facebook
twitter
linkedin

Traversata in canoa sui fiumi e i laghi della Masuria

  

La Polonia non è solo fatta di grandi città e monumenti, ma, al contrario, offre molte opportunità di avventurarsi in bei viaggi piacevoli e a contatto con la natura.
E' quello che è capitato a noi webmaster partecipando allo spływ kajakowy, ovvero la traversata in canoa lungo i fiumi e i laghi della Polonia.
Le traversate sono organizzate solitamente in diverse regioni, noi in questo caso abbiamo scelto l'estremo Nord-Est della provincia di Suwałki, mentre Il fiume da percorrere è il Czarna Hańcza. Il nome czarna ("nero" in polacco) deriva dal colore del fondale del fiume particolarmente scuro a causa della folta vegetazione.

Leggi tutto: Traversata in canoa sui fiumi e i laghi della Masuria

0
0
0
s2smodern

Malbork-Danzica-Hel-Słowiński

CASTELLO DI MALBORK
Andiamo subito al sodo: la prima tappa del nostro viaggio è stata Malbork. Il castello merita davvero la protezione da parte dell'UNESCO, è a dir poco spettacolare. Considerate che, per visitarlo, occorrono circa 3 ore, accompagnati da una guida (le guide sono solo in polacco, inglese e tedesco, si possono comunque acquistare degli opuscoli in italiano).
Abbiamo visitato le varie stanze, le esposizioni, un autentico viaggio nel passato che consiglio a tutti. Il costo è di 30 zł a testa, aggiungo, spesi bene.
All'uscita dal castello, consiglio di passare dall'altra parte del fiume, passare per il ponte di legno e scattare qualche foto dalla parte opposta del fiume, il colpo d'occhio del castello è fenomenale.

Leggi tutto: Malbork-Danzica-Hel-Słowiński

0
0
0
s2smodern

italia - Polonia in treno

ANDATA
La mattina del 23 Febbraio mi sveglio presto perchè devo andare a Pisa a fare un esame ma mi accorgo subito di non sentirmi tanto bene. Infatti quando nel pomeriggio torno a Pistoia mi misuro la febbre e il termometro segna 38,3. Per fortuna avevo già preparato le valigie il giorno prima così me ne sto un po' svaccato sul divano mentre comincia a venirmi un po' di mal di gola. Beh, le 19 ore di treno e le 5 di sosta a Vienna non sono certo la migliore medicina.
All'ora della partenza, mio zio accompagna me e mio padre alla stazione di Pistoia dove prendiamo un treno che forse un po' troppo in anticipo ci porta a Firenze.

Leggi tutto: italia - Polonia in treno

0
0
0
s2smodern

Italia - Polonia in Vespa

Domenica 14 ottobre alle ore 10.30 sono pronto a partire per questo mio viaggio che mi porterà a raggiungere la capitale dell'est europeo e ad iniziare una nuova vita. La giornata è di quelle da addii.
Per un'ultima volta carico la Vespa, baci e raccomandazioni da mamma e nonna e parto in direzione di Serravalle Scrivia dove mi fermo a salutare gli zii.
Faccio altri 15 km e arrivo nel paesino di amici (dove mi sta aspettando mio padre), mangio e bevo come un lupo. Aspetto qualche ora dopo la mangiata, abbraccio mio padre e riparto intorno alle 16 con il ritornello del boss che mi frigge nell'orecchio (My father's eyes). Passo Piacenza, Cremona, Mantova seguendo la Padana inferiore, gustando gli odori delle cittadine cresciute sulle rive del , patria del grande Virgilio.
Sbaglio strada un paio di volte in prossimità di Padova e mi ritrovo a gironzolare per paesini immersi nel verde dell'alto Polesine (a ricordarmi che anche in mezzo all'oro c'e' sempre un po’ di povertà). Sono già stato da queste parti un paio di anni fa e mi ritorna il ricordo di una conversazione avuta con una maestra di scuola che mi spiegò come in queste zone è particolarmente forte il fenomeno dell'emigrazione. Infatti la mancanza di lavoro spinge la maggior parte dei giovani verso le grandi città.Raggiungo Padova dopo 400 km, infreddolito, nonostante mi sia fermato per indossare almeno un maglioncino, alle 21 dove sono accolto da una mia amica.

Leggi tutto: Italia - Polonia in Vespa

0
0
0
s2smodern

I miei viaggi (col cuore) a Cracovia

Ho notato che molti utenti hanno una compagna / moglie polacca e questo li ha portati ad avvicinarsi per ovvi motivi alla Polonia e avere il desiderio di vivere lì.
No, la mia compagna è italiana come me e tutto è cominciato per condividere con lei l'interesse storico per quanto è successo agli ebrei nella seconda guerra mondiale.
Penso che molti abbiano vissuto l'esperienza della visita toccante e profondadella visita ai campi di concentramento e proprio Auschwitz credo sia fra tutti quello più conosciuto.
Così nel 2008 ci siamo recati per la prima volta a Cracovia solo per partire da lì ed andare ad Oswiecim (io chiedo scusa se scrivo cavolate ma il Polacco è proprio terribile!!!).

Leggi tutto: I miei viaggi (col cuore) a Cracovia

0
0
0
s2smodern

Affascinante, cara, unica – Cracovia Ignota

  
L'amica Karolina ci ha inviato una sua guida, molto bella, su Cracovia.
Per chi è già stato nella splendida città polacca, dovrebbe leggere il testo tutto d'un fiato, magari con una bella musica di sottofondo e ritornare lì con la mente, mentre, chi non c'è ancora stato, ne rimarrà sicuramente incuriosito.

E' Il mio primo articolo su questo sito ma certamente non il primo testo che pubblico, né il primo che scrivo. Ne scrissi tanti, in diversi anni, ma sono fermamente convinta che il mio primo articolo che appare su questo sito, interamente dedicato ai rapporti, curiosità e al patrimonio culturale italo-polacco, deve avere come argomento principale la mia città, Cracovia. Non per il testardo campanilismo montanaro per cui noi cracoviani siamo conosciuti in Polonia, non per un delicato suggerimento del moderatore o per un'altra imminente vis maior, ma semplicemente per il fatto che è proprio Cracovia quella che mi manca di più qui, a quasi 3000km di distanza, all'ombra dell'Etna. Mi mancano le strette viuzze del centro storico, così vicino al posto dove, sempre, abito.. le antiche ombre delle basiliche, stormi di piccioni, il tremante luccichio delle tranquille acque della Vistola .. le freddi correnti d'aria che anche in una torrida giornata d'estate sbucano dai portoni socchiusi e vi ubriacano di odore di mattoni centenari, di androni scolpiti e di sotterranei che, si dice, finiscano a chilometri e chilometri dal centro, mai scoperti fino in fondo..Così la vedo, la mia città, e così voglio raccontarvela. Insolita e sconosciuta.. la mia Cracovia Ignota.

Leggi tutto: Affascinante, cara, unica – Cracovia Ignota

0
0
0
s2smodern
2017  italia-polonia.eu