Pagina 2 di 4

Re: Il miracolo polacco

Inviato: martedì 2 febbraio 2010, 13:43
da cesk
Concordo a pieno con Samuele....

Re: Il miracolo polacco

Inviato: martedì 2 febbraio 2010, 17:47
da Eugen
@samuele: quindi uno stipendio medio netto a Varsavia è sugli 800 euro? Mi chiedo come si faccia a sopravvivere.

@ciutat: non ho capito che intendi dire. P.S. Parli per caso spagnolo? Lo dico perché fai gli errori tipici di uno spagnolo (es. "que" invece di "che")

Re: Il miracolo polacco

Inviato: martedì 2 febbraio 2010, 20:49
da ciutat
Forse non sono stato chiaro la mediana statistica non e lo stesso que media artmetica... non troPPo fa che era anche articolo sulla stamPa Polaco que parlava degli stipendi negli ministeri di waw sono tanti con la media di 6ooo zl ... cio que per resto della polonia diventa irragiungibile ... sopratutto per cosi detta polonia B al este di fiume vistula

Re: Il miracolo polacco

Inviato: mercoledì 3 febbraio 2010, 15:56
da Eugen
Scusa Ciutat, ma in italiano si scrive "che", non "que".

Che significa che la media statistica è diversa da quella aritmetica? Una media è una media. Se preferisci scrivimelo pure in polacco.

Re: Il miracolo polacco

Inviato: mercoledì 3 febbraio 2010, 17:23
da deelaylah
Eugen, Ciutat intendeva dire che la media aritmetica (somma dei valori divisi per il loro numero) è diversa dalla mediana statistica che è il valore centrale che suddivide un insieme di valori in due parti uguali: una di queste comprende i valori superiori alla mediana, l’altra i valori inferiori. La mediana non viene influenzata dai valori estremi e più la distribuzione dei valori è assimetrica più il risultato si scosta dalla media aritmetica. E' un altro metodo di misurazione usato nella statistica. :)

Re: Il miracolo polacco

Inviato: mercoledì 3 febbraio 2010, 18:35
da Eugen
Grazie deelaylah, non conoscevo il concetto di "mediana", ho imparato una cosa nuova. Tornando al PIL pro-capite si tratta però di media ovvero il PIL del Paese diviso il numero dei suoi abitanti, non di mediana o sbaglio?

Re: Il miracolo polacco

Inviato: mercoledì 3 febbraio 2010, 23:56
da fabiutko
deelaylah ha scritto:Eugen, Ciutat intendeva dire che la media aritmetica (somma dei valori divisi per il loro numero) è diversa dalla mediana statistica che è il valore centrale che suddivide un insieme di valori in due parti uguali: una di queste comprende i valori superiori alla mediana, l’altra i valori inferiori. La mediana non viene influenzata dai valori estremi e più la distribuzione dei valori è assimetrica più il risultato si scosta dalla media aritmetica. E' un altro metodo di misurazione usato nella statistica. :)
Perfetto!Non si poteva spiegare meglio!Aritmetica,mediana o discostamento 800 euro è fuori da ogni realtà...chi porta la media a 800?Kubica e le sorelle Radwanska?
Ciutat tranquilo,te se intiende puro asì!

Re: Il miracolo polacco

Inviato: giovedì 4 febbraio 2010, 9:06
da claudiaastarita
Cari partecipanti al forum,
innanzitutto vi ringrazio per aver letto il mio articolo ed esservi interessati ai suoi contenuti.
Desidero cogliere l'occasione per un paio di precisazioni. Innanzitutto il salario medio: il dato e' riferito al 2008 ed e' quello ufficiale, fornito dall'Ufficio Centrale di Statistica polacco. Poi, la data di ingresso nell'Euro: originariamente il Primo Ministro dichiaro' che sarebbe potuta avvenire nel 2012. Il dibattito e' aperto, ma una data non e' stata ancora messa nero su bianco. Infine, desidero ringraziare per l'indicazione sul cambio, che ho corretto: nell'articolo avevo utilizzato il punto "all'inglese" e non "all'italiana".
Saluti a tutti,
CA

Re: Il miracolo polacco

Inviato: giovedì 4 febbraio 2010, 13:24
da Marcello_roma
Questa è la risposta che ho postato sul blog di panorama alla giornalista Astarita. Siete d'accordo?

"Gentile Sigr.ra Astarita,
non mi sognerei di mettere in dubbio la sua buona fede nel citare le cifre dell’Ufficio Centrale di Statistica polacco (anzi, le chiedo cortesemente se è possibile avere un link di questa fonte). Tuttavia, la mia testimonianza si basa sull’esperienza diretta: 800 Euro è uno stipendio medio alto persino per un lavoratore residente nella città di Varsavia, che nella migliore delle ipotesi può arrivare a prendere 3000-3500 Zloty (750-875 Euro). E mi viene il dubbio che i dati da lei citati siano stati ricavati su inchieste a campione svoltesi proprio nel voivodato di Varsavia. Ma differente è la realtà globale polacca; sarebbe come calcolare lo stipendio medio italiano basandolo su quello della popolazione residente in Lombardia, per esempio. Del resto basterebbe informarsi sul salario degli operai Fiat dello stabilimento di Tychy (Slesia, la seconda regione più industrializzata di Polonia): 400 euro mensili scarse. L’esercito di consumatori polacchi di cui lei parla nell’articolo, se esiste, sempre più spesso trova il suo potere d’acquisto nei guadagni ricavati all’estero.
La seconda incongruenza riguarda l’entrata della Polonia nella sfera dell’Euro, che nell’articolo leggo programmata per il 2012. In realtà c’è pochissima fiducia che questo possa avvenire, ed anzi tale data viene posticipata nella migliore delle ipotesi di almeno due anni, slittando quindi al 2014. Ho trovato a riguardo un articoletto sul sito Reuter Italia: http://borsaitaliana.it.reuter.....5920091223
Grazie mille per aver risposto.
Marcello".

Re: Il miracolo polacco

Inviato: giovedì 4 febbraio 2010, 17:55
da ciutat
non mi sembra que fino 2014 saremo in grado di giungere i cosi detti condizioni di covergenza vista la situazione attuale , deficit di 3% e idebittamento pubblico al 60%tra altri , come si puo imaginare que cio aviene la lezione di Grecia sara ancora fresca