Pagina 2 di 5

Re: Il miracolo polacco

Inviato: martedì 2 febbraio 2010, 9:46
da samuele192
Considerando che la Polonia non e' solo Warszaw,Poznan e Wroclaw ma e' composta di molte città medie e piccole il dato degli 800 euro come reddito procapite e' completamnte sbagliato.Forse il giornalista intendendeva il pil procapite,che e' un altra cosa rispetto al reddito procapite.Solo in quel caso forse il dato puo' essere esatto.
Io ho dati di medie città(70.000 abitanti)dove 1.200/1.600 zl e' uno stipendio medio.Pensioni da 800/1.000 zloty.
Allora per Bialystok(che l'11esima città della Polonia) e' 2.000-2.500 zloty,per Warszaw,Poznan e Wroclaw 3.200 zloty.
Se consideriamo poi che buona parte della forza lavoro in Polonia e' occupata in agricoltura(2 millioni sono i piccoli nuclei agricoli della Polonia),si puo' comprendere che non si puo' arrivare a 800 euro mensili di media polacca.
Forse considerando tutti i polacchi che lavorano in G.Bretagna,Irlanda e Germania il dato puo' essere esatto,ma non per quelli che lavorano in Polonia.

Re: Il miracolo polacco

Inviato: martedì 2 febbraio 2010, 12:59
da ciutat
ovviamente parliamo di lordo .. secodno me i dati quadrano bene , se vi sommate anche i enti publichi que arrivano in waw a 5000-6000 zl tutto quadra , dopo che sempre il discorso di statistica sarebbe oportuno sapere quale e mediana non la media .
saluti

Re: Il miracolo polacco

Inviato: martedì 2 febbraio 2010, 13:43
da cesk
Concordo a pieno con Samuele....

Re: Il miracolo polacco

Inviato: martedì 2 febbraio 2010, 17:47
da Eugen
@samuele: quindi uno stipendio medio netto a Varsavia è sugli 800 euro? Mi chiedo come si faccia a sopravvivere.

@ciutat: non ho capito che intendi dire. P.S. Parli per caso spagnolo? Lo dico perché fai gli errori tipici di uno spagnolo (es. "que" invece di "che")

Re: Il miracolo polacco

Inviato: martedì 2 febbraio 2010, 19:33
da samuele192
Per quanto riguarda Varsavia dovrebbe essere abbastanza veritiero.
WhocH parlava di 3000 zloty(750 euro)
Varsavia é come Milano per l'Italia,gli stipendi sono piu' alti che in altre città,pero' anche il costo della vita è maggiore.
Comunque possono confermare quelli che lavorano a Varsavia,che non sono pochi in questo forum.

Re: Il miracolo polacco

Inviato: martedì 2 febbraio 2010, 20:49
da ciutat
Forse non sono stato chiaro la mediana statistica non e lo stesso que media artmetica... non troPPo fa che era anche articolo sulla stamPa Polaco que parlava degli stipendi negli ministeri di waw sono tanti con la media di 6ooo zl ... cio que per resto della polonia diventa irragiungibile ... sopratutto per cosi detta polonia B al este di fiume vistula

Re: Il miracolo polacco

Inviato: mercoledì 3 febbraio 2010, 15:56
da Eugen
Scusa Ciutat, ma in italiano si scrive "che", non "que".

Che significa che la media statistica è diversa da quella aritmetica? Una media è una media. Se preferisci scrivimelo pure in polacco.

Re: Il miracolo polacco

Inviato: mercoledì 3 febbraio 2010, 17:23
da deelaylah
Eugen, Ciutat intendeva dire che la media aritmetica (somma dei valori divisi per il loro numero) è diversa dalla mediana statistica che è il valore centrale che suddivide un insieme di valori in due parti uguali: una di queste comprende i valori superiori alla mediana, l’altra i valori inferiori. La mediana non viene influenzata dai valori estremi e più la distribuzione dei valori è assimetrica più il risultato si scosta dalla media aritmetica. E' un altro metodo di misurazione usato nella statistica. :)

Re: Il miracolo polacco

Inviato: mercoledì 3 febbraio 2010, 18:35
da Eugen
Grazie deelaylah, non conoscevo il concetto di "mediana", ho imparato una cosa nuova. Tornando al PIL pro-capite si tratta però di media ovvero il PIL del Paese diviso il numero dei suoi abitanti, non di mediana o sbaglio?

Re: Il miracolo polacco

Inviato: mercoledì 3 febbraio 2010, 23:56
da fabiutko
deelaylah ha scritto:Eugen, Ciutat intendeva dire che la media aritmetica (somma dei valori divisi per il loro numero) è diversa dalla mediana statistica che è il valore centrale che suddivide un insieme di valori in due parti uguali: una di queste comprende i valori superiori alla mediana, l’altra i valori inferiori. La mediana non viene influenzata dai valori estremi e più la distribuzione dei valori è assimetrica più il risultato si scosta dalla media aritmetica. E' un altro metodo di misurazione usato nella statistica. :)
Perfetto!Non si poteva spiegare meglio!Aritmetica,mediana o discostamento 800 euro è fuori da ogni realtà...chi porta la media a 800?Kubica e le sorelle Radwanska?
Ciutat tranquilo,te se intiende puro asì!