Pericolo di perdita della democrazia in Polonia!

Messaggio
Autore
Avatar utente
Greenhouse
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 1218
Iscritto il: giovedì 19 aprile 2007, 22:18

Re: Pericolo di perdita della democrazia in Polonia!

#111 Messaggio da Greenhouse » giovedì 16 novembre 2017, 8:39

Cerco di trovare un secondo per rispondere, ultimamente di tempo ne ho pochissimo.

@Samuele, non ho capito cosa pensi dei 60.000 di cui abbiamo parlato, ampiamente documentati, che hanno incitato all'odio razziale, alla Polonia "bianca, pura e cattolica", con slogan contro ebrei, musulmani e chissà quanti altri?
A Bruxelles è stato detto quanto succede, ovvero che c'è un pericolo di estremismo di estrema destra, secondo te cosa avrebbero dovuto dire? Guarda, sono polacco quindi va tutto bene? Questo è un nascondere la testa sotto la sabbia, come del resto hanno fatto certi esponenti del governo che non hanno visto niente.
Al posto di Tusk, avrei detto esattamente le stesse cose, è nell'interesse dei polacchi reprimere l'odio razziale, del resto è stata questa la causa che ha distrutto il paese durante la II guerra mondiale.
Riguardo le responsabilità, ho già risposto in un altro post molto ampio su quali sono le cause e le responsabilità, ora non ho il tempo per cercarlo ma è tutto lì.

@Mada, se non vuoi che ti risponda per le rime, vai a lanciare i tuoi slogan integralisti da un'altra parte, i tuoi post mi stanno irritando e su queste cose ci vado parecchio pesante.
Con Samuele ci scontriamo ma dibattiamo entrambi nel reciproco rispetto, questa è l'anima del forum, se non ti adegui, ti banno.
C'è differenza fra essere "patrioti" ed essere fondamentalisti, i patrioti sono ben altro e nel tuoi post non vedo alcun patriottismo.
Immagine
Se sei nuovo/a, leggi prima il regolamento e la netiquette.

Avatar utente
alekosds
Biało-czerwony
Biało-czerwony
Messaggi: 327
Iscritto il: martedì 13 marzo 2012, 13:57

Re: Pericolo di perdita della democrazia in Polonia!

#112 Messaggio da alekosds » giovedì 16 novembre 2017, 15:08

A mio avviso, finche' qualsiasi opinione contraria al punto di vista dell'attuale Governo Polacco verra' considerata anti-polacca o comunista... il pericolo di dittatura e' presente. Come era presente in Italia ai tempi di Berlusconi (che grazie ai radical-chic italiani sta tornando).

P.S. la parola antiPolacco in bocca ad un polacco mi fa venire l'orticaria
P.P.S. anche la parola integrazione in bocca ad un italiano che abita in Polonia e parla solo in italiano, mangia solo italiano e rimpiange l'amata terra natia... mi fa venire strane bolle sulla pelle.
P.P.P.S. comunisti e radical-chic sono due cose diverse: i primi non esistono piu' (forse a Cuba o in Cina ne e' rimasto qualche esemplare) i secondi sono dei virus che non smetteranno facilmente di infestare l'Europa.
"Se la gente dovesse scegliere tra la libertà e i sandwiches, sceglierebbe i sandwiches” John Boyd Orr

GioJos
Italo-Polacco ad honorem
Italo-Polacco ad honorem
Messaggi: 594
Iscritto il: sabato 30 giugno 2012, 20:30

Re: Pericolo di perdita della democrazia in Polonia!

#113 Messaggio da GioJos » giovedì 16 novembre 2017, 17:43

samuele192 ha scritto:
mercoledì 15 novembre 2017, 17:42
Per sanzionare la Polonia c'e' bisogno dell'unanimita' dei paesi dell'UE e l'Ungheria ha gia' detto che non ci sta.

Questo vale per la legge sulla Giustizia, peraltro non firmata da Duda e quindi in parte decaduta. Non vale invece per i profughi, dove la Corte di giustizia si è già pronunciata contro la cricca di Visegrad

Avatar utente
Baldy
Biało-czerwony
Biało-czerwony
Messaggi: 414
Iscritto il: sabato 28 giugno 2014, 12:40

Re: Pericolo di perdita della democrazia in Polonia!

#114 Messaggio da Baldy » giovedì 16 novembre 2017, 22:14

:mrgreen: il rischio dittatura al tempo di berlusconi è una battuta fortissima !!😁😁😁 quindi o governano quelli di una parte oppure c è il rischio dittatura ? Ammazza manco sul libro rosso di mao certe considerazioni.
„Za wolność waszą i nasza”

Avatar utente
alekosds
Biało-czerwony
Biało-czerwony
Messaggi: 327
Iscritto il: martedì 13 marzo 2012, 13:57

Re: Pericolo di perdita della democrazia in Polonia!

#115 Messaggio da alekosds » giovedì 16 novembre 2017, 23:25

forse mi sono spiegato male...
quando si governa invocando un nemico morto e sepolto o un nemico inesistente il rischio dittatura é alle porte.
Insomma, chi governa facendo la vittima ad ogni critica é uno che cerca la dittatura.

spero di essermi spiegato

P.S. il vittimismo é l'anticamera di una dittatura
"Se la gente dovesse scegliere tra la libertà e i sandwiches, sceglierebbe i sandwiches” John Boyd Orr

Avatar utente
Baldy
Biało-czerwony
Biało-czerwony
Messaggi: 414
Iscritto il: sabato 28 giugno 2014, 12:40

Re: Pericolo di perdita della democrazia in Polonia!

#116 Messaggio da Baldy » venerdì 17 novembre 2017, 8:10

l'anticamera della dittatura è la fame, altro che il vittimismo ! Berlusconi ha fatto la vittima perchè è stato una vittima, di un sistema giudiziario irresponsabile (esente da responsabilità) e politicizzato che per anni ha cercato in ogni modo di demolirlo andando a cercare i reati pure sotto le coperte della camera da letto mentre nel resto della nazione i processi "normali" non si iniziano non si fanno e non si finiscono e la giustizia è al tracollo completo. Per finire sui rotocalchi più di qualche PM ha fatto carte false, poi se vi scippano la nonna 90 enne e l'ammazzano finisce tutto a tarallucci e vino...
„Za wolność waszą i nasza”

Avatar utente
alekosds
Biało-czerwony
Biało-czerwony
Messaggi: 327
Iscritto il: martedì 13 marzo 2012, 13:57

Re: Pericolo di perdita della democrazia in Polonia!

#117 Messaggio da alekosds » venerdì 17 novembre 2017, 9:38

@Baldy: ti ho spiegato il mio pensiero e accetto tuo (pur non condividendolo in nessun punto).

Psicologicamente il vittimismo tende ad assoggettare le persone che ti ascoltano.
Le persone equilibrate non cercano di fare la vittima ma cercano ogni cosa che possa farli stare bene.
Le persone che vedono il negativo in ogni occasione sono persone che hanno poca autostima e cercano l'attenzione degli altri facendo le vittime... (nessuno mi capisce, ce l'hanno tutti con me, ecc).
E' un meccanismo infantile, al limite adolescenziale, di interazione ma che dovrebbe affievolirsi con l'eta' adulta.

Sociologicamente, invece, e' un meccanismo molto usato dagli aizzatori di folla.
Per esempio, frasi del tipo: ci stanno prendendo in giro, ci vogliono vedere sul lastrico, ci stanno uccidendo tutti...
Le senti spesso da parte di chi mette in giro le bufale, ovvero gente a caccia di pubblico.
Il meccanismo in questione funziona perche' e' molto semplice.

Spero di avere spiegato bene cosa intendessi.

P.S. http://www.ilpost.it/francescocatalucci ... -dellodio/ ho trovato questo articolo interessante per chi volesse leggerlo lo avverto che non e' affatto filogovernativo (anzi)
"Se la gente dovesse scegliere tra la libertà e i sandwiches, sceglierebbe i sandwiches” John Boyd Orr

Avatar utente
Baldy
Biało-czerwony
Biało-czerwony
Messaggi: 414
Iscritto il: sabato 28 giugno 2014, 12:40

Re: Pericolo di perdita della democrazia in Polonia!

#118 Messaggio da Baldy » venerdì 17 novembre 2017, 11:47

i miei sono fatti, puoi anche non condividerli ma rimangono sempre fatti reali, come gli innumerevoli processi inutili fatti a Berlusconi, puoi anche non condividerli ma esistono lo stesso.
Sociologicamente sarà anche uno strumento utile ma senza la fame è uno strumento fine a se stesso sulla cui reale efficacia ho molti seri dubbi.
„Za wolność waszą i nasza”

GioJos
Italo-Polacco ad honorem
Italo-Polacco ad honorem
Messaggi: 594
Iscritto il: sabato 30 giugno 2012, 20:30

Re: Pericolo di perdita della democrazia in Polonia!

#119 Messaggio da GioJos » venerdì 17 novembre 2017, 17:45

Be', col Berlusca il rischio di dittatura non l'ho visto, certo: ciò non toglie che sia uno dei maggiori responsabili del declino italiano. Non per quello che ha fatto ma per ciò che non ha fatto, ossia quella rivoluzione liberale promessa e di cui avremmo in effetti bisogno. Lo riconsce anche lui, ma dà la colpa ora agli alleati ora al sistema istituzionale italiano che non permette di agire. E su quest'ultimo punto ha pure ragione: salvo che quando si è fatto il referendum per cambiarlo, con una Riforma fotocopia (anzi, bella copia) di quella che aveva tentato lui, si è schierato contro. Ma il bello è che l'ha fatto dopo che in parlamento aveva votato a favore:quando si dice la coerenza :twisted: :roll:
Però qui siamo OT.
E' in tema invece questo, che mi è arrivato oggi sulla email inviato dai Radicali (uno dei pochi Partiti veramente liberali esistenti in Italia):
http://www.radicali.it/20171115/polonia ... r-leuropa/

Rilevante questo passaggio:
“Le immagini dell’imponente corteo dell’estrema destra che l’11 novembre ha attraversato Varsavia per l’anniversario dell’Indipendenza polacca e slogan come “Polonia pura, Polonia bianca”, “Rifugiati al diavolo”, “Europa bianca di nazioni fraterne”, “Vogliamo Dio”, “La cultura cristiana è superiore a quella musulmana” scanditi dalle decine di migliaia di nazionalisti giunti per l’occasione da mezza Europa, fanno paura perché minacciano i valori di tolleranza, laicità, democrazia propri dell’Europa che vogliamo. Ma a fare più paura è la compiacenza delle istituzioni polacche (la TV di Stato l’ha definita «una grande marcia di patrioti che esprimono il loro amore per la Polonia, non di estremisti») e l’assuefazione delle istituzioni europee.

Avatar utente
alekosds
Biało-czerwony
Biało-czerwony
Messaggi: 327
Iscritto il: martedì 13 marzo 2012, 13:57

Re: Pericolo di perdita della democrazia in Polonia!

#120 Messaggio da alekosds » venerdì 17 novembre 2017, 22:19

Baldy ha scritto:
venerdì 17 novembre 2017, 11:47
i miei sono fatti, puoi anche non condividerli ma rimangono sempre fatti reali, come gli innumerevoli processi inutili fatti a Berlusconi, puoi anche non condividerli ma esistono lo stesso.
Sociologicamente sarà anche uno strumento utile ma senza la fame è uno strumento fine a se stesso sulla cui reale efficacia ho molti seri dubbi.
Sei libero di pensare cio' che vuoi, come lo sono io.
Le mie considerazioni si basano anche su fatti.
Grazie alla fame si apre la strada alle rivoluzioni (vedi riv. Francese, Russa, Cubana), cio' non significa che dopo non si instauri una dittatura ma "la fame" genera rivoluzione. Grazie al vittimismo si apre la strada, invece, alle dittature o le si alimentano vedi Hitler con gli Ebrei oppure Nerone con i Cristiani (Sienkiewicz ha costruito la sua opera piu' famosa su questo meccanismo)...
Se vuoi un esempio piu' vicino guarda la Lega Nord: prima facevano le vittime nei confronti dei meridionali, poi del governo centrale di Roma, poi nei confronti di Europa e immigrati... insomma Salvini e co. acquistano consensi (addirittura in Sicilia :shock: ) individuando sempre un nuovo nemico che cerchi di sopraffarli.
Io sull'efficacia del metodo non ho dubbi.
"Se la gente dovesse scegliere tra la libertà e i sandwiches, sceglierebbe i sandwiches” John Boyd Orr

Bloccato

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite