Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

Messaggio
Autore
eupremioguada
Mały Małysz
Mały Małysz
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 ottobre 2007, 19:09

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#41 Messaggio da eupremioguada » venerdì 7 luglio 2017, 15:00

Ma Mada, io ho scritto altre cose e tu mi hai risposto eludendo il mio contenuto:

" il linguaggio violento, offensivo, sporco, di parte, precostituito e antidemocratico dei tantissimi polacchi che commentano gli articoli su Interia Fakty o rispondono a commenti già postati da altri che la pensano diversamente.Io non noto in tutta questa gente lo stesso rispetto della libertà di pensiero che io ed altri manifestiamo .Non è solo la questione Tusk/Kaczynski, riguarda tutto.Questo è palpabile dappertutto.

In tutta questa vicenda mi danno tremendamente fastidio tre cose:il silenzio-assenso dell'Episcopato polacco, la Szydlo che esegue ciò che decide Kaczynski e l'atteggiamento furbo e antieuropeistico dell'attuale Polonia nei confronti dei migranti."

Per dire queste cose, vuol dire che ho partecipato a quei commenti e le reazioni di gran parte dei commentatori alle miei interventi erano improntati a scurrilità, volgarità, linguaggio sgrammmaticato, arroganza, razzismo , ecc.

Io vorrei che tu mi dicessi la tua sulla posizione della Chiesa polacca in merito alla questione dei migranti , posizione che io reputo sconcertante, di comodo e contraddittoria.

Pur non abitando stabilmente in Polonia, mi reco spesso, avendo parenti di mia moglie e solide amicizie sparse in tutto il Paese.
Non voglio sconfinare in altre tematiche polacche dei nostri giorni.Certo, noi italiani abbiamo attualmente molto da imparare da loro in certi settori come la scuola, la manutenzione del verde pubblico, i rapporti interpersonali, ecc.
Io ci sto andando il 1° agosto per due settimane dopo due anni di assenza e non vedo l'ora di farmi delle lunghe chiacchierate su questi
temi con gli amici e le amiche della Polonia.

Avatar utente
Baldy
Biało-czerwony
Biało-czerwony
Messaggi: 401
Iscritto il: sabato 28 giugno 2014, 12:40

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#42 Messaggio da Baldy » venerdì 7 luglio 2017, 16:44

mi intrometto a margine del discorso, non ho la padronanza della lingua in modo sufficiente da poter andare a leggere i commenti "violenti" dei polacchi ma ho invece molta confidenza con i "commenti" degli italiani e devo dire che i nostri social sono pieni di "violenza" verbale e ignoranza in generale. Oramai è lo sport nazionale basta farsi un giro per rendersi conto del basso livello intellettivo che pratica il web, immagino che sia una problematica comune in tutti i paesi in cui i social stanno prendendo piede. Sarebbe interessante approndire con studi seri. Detto questo per non fossilizzarsi sui commenti che sono espressioni comuni di una certa classe della popolazione che non ha passaporto. La Chiesa Polacca è molto forte sia politicamente che socialmente ed esprime il sentore dei suoi parrocchiani. I migranti sono ancora percepiti come un pericolo come diversi come instabilità e di conseguenza non saranno mai accettati. Va cambiato l'approccio sociale ma il popolo polacco alla fine non è che sia cosi elastico. C'è da lavorarci.
„Za wolność waszą i nasza”

GioJos
Italo-Polacco ad honorem
Italo-Polacco ad honorem
Messaggi: 590
Iscritto il: sabato 30 giugno 2012, 20:30

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#43 Messaggio da GioJos » venerdì 7 luglio 2017, 17:58

alekosds ha scritto:
@giojos sulla questione "snellimento della burocrazia" ci andrei piano. É vero che in molti settori sono più pratici e veloci degli italiani (non é che fosse così difficile), ma per esempio, per fare la carta d'identità ci impiegano tra i 20gg e 1 mese.

@GH sull'Italia spezzata in 2 Berlusconi/Prodi non mi trovi d'accordo.
Evidentemente non hai avuto modo di sperimentare la burocrazia polacca post-comunista e pre-Tusk. Io ho avuto modo di farlo. E ti garantisco che la differenza è abissale.
Concordo invece sull'improponibilità di equiparare i Governi Prodi e quelli di Berlusconi. Il primo ha provato a raddrizzare un po' il Paese, con provvedimenti anche forti e talvolta impopolari, ma è stato fatto fuori la prima volta dai suoi e la seconda da una vergognosa comparavendita di senatori (De Gregorio) che solo in un Paese dalla stampa corrotta e collusa come il nostro può passare sotto silenzio.
Il secondo è uno dei principali responsabili del declino italico dell'ultimo ventennio. Non per quel (poco) che fatto, peraltro male; ma per quel tanto che non ha fatto


@ Baldy. Il web pare riesca a tirar fuori il peggio delle persone, quasi uno sfogatoio dove in tanti vanno a vomitare tutto l'odio che maturano altrove. Il personaggio inventato da Crozza, quel "Napalm71" delle sue ultime apparizioni, è in questo senso geniale. Quasi quanto il "Cetto La Qualnque" di Albanese.
La Chiesa, tuttavia, da che mondo è mondo e il cristianesimo cristianesimo, dovrebbe guidare e indirizzare il suo "gregge", non adeguarsi ai suoi istinti peggiori. Per quello c'è la politica

Avatar utente
alekosds
Biało-czerwony
Biało-czerwony
Messaggi: 318
Iscritto il: martedì 13 marzo 2012, 13:57

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#44 Messaggio da alekosds » martedì 11 luglio 2017, 16:45

A proposito dell'odio vomitato sul web, vorrei suggerirvi un film visto l'altra sera: "Che vuoi che sia" con e di Edoardo Leo.

Non aggiungo altro perche' andrei off topic.
"Se la gente dovesse scegliere tra la libertà e i sandwiches, sceglierebbe i sandwiches” John Boyd Orr

Avatar utente
Greenhouse
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 1211
Iscritto il: giovedì 19 aprile 2007, 22:18

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#45 Messaggio da Greenhouse » mercoledì 12 luglio 2017, 13:01

GioJos ha scritto:
alekosds ha scritto: @GH sull'Italia spezzata in 2 Berlusconi/Prodi non mi trovi d'accordo.
Concordo invece sull'improponibilità di equiparare i Governi Prodi e quelli di Berlusconi. Il primo ha provato a raddrizzare un po' il Paese, con provvedimenti anche forti e talvolta impopolari, ma è stato fatto fuori la prima volta dai suoi e la seconda da una vergognosa comparavendita di senatori (De Gregorio) che solo in un Paese dalla stampa corrotta e collusa come il nostro può passare sotto silenzio.
Il secondo è uno dei principali responsabili del declino italico dell'ultimo ventennio. Non per quel (poco) che fatto, peraltro male; ma per quel tanto che non ha fatto
Attenzione, io non ho confrontato i due governi italiani, quanto le analogie del periodo (paese spezzato in due fra pseudo-destra e pseudo-sinistra) e quello attuale fra i "seguaci" di Tusk e quelli di Kaczyński.
Non entro nel merito dei commenti riguardanti l'attività dei governi italiani del tempo, andrei OT e, soprattutto, dovrei apostrofare i protagonisti del tempo in maniera molto pesante.
Immagine
Se sei nuovo/a, leggi prima il regolamento e la netiquette.

Avatar utente
mada
Esordiente - Debiutant
Esordiente - Debiutant
Messaggi: 28
Iscritto il: martedì 2 settembre 2008, 19:27

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#46 Messaggio da mada » mercoledì 12 luglio 2017, 18:02

eupremioguada ha scritto: In tutta questa vicenda mi danno tremendamente fastidio tre cose:il silenzio-assenso dell'Episcopato polacco, la Szydlo che esegue ciò che decide Kaczynski e l'atteggiamento furbo e antieuropeistico dell'attuale Polonia nei confronti dei migranti."
Io vorrei che tu mi dicessi la tua sulla posizione della Chiesa polacca in merito alla questione dei migranti , posizione che io reputo sconcertante, di comodo e contraddittoria.
Pur non abitando stabilmente in Polonia, mi reco spesso, avendo parenti di mia moglie e solide amicizie sparse in tutto il Paese.
1- Non e' vero che la Conferenza Episcopale polacca e' in silenzio.
Ho sentito dichiarazioni di politici che dicono che il primate ha detto di accogliere i profughi.
Secondo me la posizione della Chiesa polacca non e' unica.
La Caritas polacca si sta adoperando per intervenire direttamente in Siria con progetti finanziati dal governo.

2- Finiamola di dire che Szydlo esegue quello che gli dice Kaczynski.
L'hai mai sentita parlare ?
https://www.youtube.com/watch?v=N2CGBGTGW3o

3- Intanto la Polonia non e' sola nella sua posizione sui migranti, semmai l'Italia e' sola e nessuno vuole prendere le barche dalla Libia.
La Polonia vuole difendere le sue tradizioni cristiane,la sua identita' e non vuole fare la fine di Francia,Belgio, Svezia dove ci sono zone in cui e' pericoloso entrare, dove nemmeno entra la polizia

Avatar utente
alekosds
Biało-czerwony
Biało-czerwony
Messaggi: 318
Iscritto il: martedì 13 marzo 2012, 13:57

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#47 Messaggio da alekosds » giovedì 13 luglio 2017, 8:48

mada ha scritto:Secondo me la posizione della Chiesa polacca non e' unica.
Purtroppo non e' solo la Chiesa Polacca ad essere divisa anche quella Italiana... gli integralisti stanno ovunque.

mada ha scritto:Finiamola di dire che Szydlo esegue quello che gli dice Kaczynski.
Scusa se ti contraddico ma e' fuori di dubbio (in tutta Europa) che Kaczynski sia il personaggio politico piu' influente in Polonia.

mada ha scritto:Intanto la Polonia non e' sola nella sua posizione sui migranti, semmai l'Italia e' sola e nessuno vuole prendere le barche dalla Libia.
Su questo punto hai tristemente ragione.

mada ha scritto:La Polonia vuole difendere le sue tradizioni cristiane,la sua identita' e non vuole fare la fine di Francia,Belgio, Svezia dove ci sono zone in cui e' pericoloso entrare, dove nemmeno entra la polizia
Su questo non mi trovi daccordo perche' il fatto che non si possa entrare in certe zone non dipende dalla religione ne' dagli immigrati, dipende dalla delinquenza.
A Roma, Milano, Palermo, Napoli, in tutte le citta' ci sono zone "pericolose"; senza andare troppo lontano, nella mia Bytom m'hanno avvertito di evitare certe zone... e li non ci sono Musulmani.
Purtroppo, la stupidita', la delinquenza e l'integralismo non hanno una sola matrice religiosa, diaciamo che sono equiditribuite in tutte le culture e tutte le etnie.
"Se la gente dovesse scegliere tra la libertà e i sandwiches, sceglierebbe i sandwiches” John Boyd Orr

Avatar utente
alekosds
Biało-czerwony
Biało-czerwony
Messaggi: 318
Iscritto il: martedì 13 marzo 2012, 13:57

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#48 Messaggio da alekosds » domenica 16 luglio 2017, 5:53

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/e ... 4772c.html
davanti questa operazione, credo che tutti gli "scandali" del precedente governo passino in secondo piano.
Se i 3 poteri di uno stato democratico sono in mano ad un solo partito, si torna a prima del 1990: dittatura.
"Se la gente dovesse scegliere tra la libertà e i sandwiches, sceglierebbe i sandwiches” John Boyd Orr

Avatar utente
Greenhouse
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 1211
Iscritto il: giovedì 19 aprile 2007, 22:18

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#49 Messaggio da Greenhouse » domenica 16 luglio 2017, 9:59

mada ha scritto:3- Intanto la Polonia non e' sola nella sua posizione sui migranti, semmai l'Italia e' sola e nessuno vuole prendere le barche dalla Libia.
La Polonia vuole difendere le sue tradizioni cristiane,la sua identita' e non vuole fare la fine di Francia,Belgio, Svezia dove ci sono zone in cui e' pericoloso entrare, dove nemmeno entra la polizia
Finiamola con questa storia delle tradizioni cristiane.
La Polonia si sta sviluppando in maniera notevole negli ultimi anni, questo sia grazie a importanti investimenti esteri, favoriti da una posizione centrale in Europa particolarmente favorevole, sia grazie agli interventi del governo PO che, con sgravi fiscali, li ha favoriti.
A questo si aggiungono un livello scolastico notevole, università all'avanguardia e giovani menti che aprono start-up di interesse mondiale.
E che non mi si venga a dire che il "nemico straniero" ha invaso la Polonia, senza gli investimenti stranieri qui ci sarebbe la fame, l'industria polacca è ancora troppo indietro anche rispetto a quella italiana, per cui chi grida "Polska dla Polaków" dovrebbe pensarci due volte.
Le "tradizioni cristiane" di cui si ostina a parlare Mada non sono altro che un argomento di comodo per solidificare l'elettorato delle zone rurali, dove basta regalare 500 zł a figlio e gridare all'uomo nero per avere garantito il voto.
Bruciare carbone e ostacolare le rinnovabili, controllare i tribunali, distruggere la Foresta di Białowieża, rendere illegale l'aborto, mettere la pillola del giorno dopo disponibile su ricetta, non è da radici cristiane, è la cavernicoli.
C'è una parte della Polonia che si sta sviluppando a ritmi notevoli, c'è un'altra parte rurale che, con tutti i governi, sta rimanendo tale ma a cui si stanno regalare soldi per non fare niente, facendo prendere il loro posto agli ucraini.
E' un paese sempre più moderno e aperto al mondo, ma al politico di turno fa comodo tenerlo al medioevo per motivi elettorali.
Oltretutto, le religioni parlano sempre di amore e fratellanza, come mai proprio i più fervidi cattolici sono quelli più accaniti contro i migranti?

TUTTAVIA, io sono pienamente d'accordo con la linea di questo governo nel NON accogliere i migranti.
Sia chiaro, le motivazioni sono ben diverse, quelle di questo governo sono meramente elettorali e ci hanno ben marciato durante la campagna elettorale, ma almeno, a differenza del PO, ha una posizione chiara e ben definita.
I miei motivi sono diversi e non hanno nulla a che vedere con le religioni che, onestamente, non destano il mio interesse:
1. I populisti sfruttano la situazione per motivi elettorali. I vari Salvini, LePen, Kaczyński ecc.... non hanno interesse a risolvere il problema, bensì a farlo DURARE, perchè un problema dell'immigrazione risolto non giustificherebbe più la loro esistenza. Invece grazie a loro siamo al limite della guerra civile in molti paesi d'Europa mentre i politici stanno a guardare con interesse. Il caos è la migliore forma di controllo delle masse. Senza gridare al musulmano che invade l'Europa minacciando le "radici cristiane" e senza dare i 500 zł a cani e porci per stare a casa a fare figli, quelli del PiS non avrebbero preso neanche il voto dei parenti.
2. Guerre. Se veramente il governo polacco avesse a cuore il problema, dovrebbe pretendere un'azione politica decisa e unica EUROPEA. La Sig.ra Premier, anzichè litigare con tutti, dovrebbe richiedere un'Europa forte e unita con l'obiettivo di FERMARE queste guerre usando il peso politico di 27 paesi messi insieme, in quanto spesso le cause siamo noi stessi occidentali. Questo perchè, a livello mondiale, la Polonia (così come l'Italia) non conta un c****, ma una UE decisa e unita si. Dovrebbe, insomma, pretendere un'UE portatore di pace nel mondo, invece preferisce scontrarsi con la Merkel con ogni pretesto. Chi vive nei paesi dove c'è pace e prosperità non ha bisogno di emigrare.
3. Fame. Di nuovo ritorna la posizione ridicola di Mada sulla Caritas per difendere l'indifendibile. I paesi di origine hanno bisogno di scuole, università, bisogna favorire gli imprenditori africani, bisogna smettere di depredarli delle loro materie prime. Bisogna vendere loro cultura e tecnologie, non armi. Occorre che economisti intervengano in questi paesi con un'economia monetaria fatta nell'interesse pubblico. Non bisogna dare loro un pesce, bisogna insegnare loro a pescare. Un paese autosufficiente e con un elevato livello scolastico non ha bisogno di emigrare.
4. Mafie. Sono quelle che ci stanno guadagnando sull'immigrazione. Bisogna colpire loro. Quanto questo governo e l'UE stanno facendo in merito? Niente. Nel frattempo i miliardi girano e il Mediterraneo è sempre più una tomba.
5. Il ricollocare è quanto di più disumano si possa fare, è un insulto alla dignità umana, stiamo parlando di persone, non di merci. Il governo polacco dice "nie chcemy i już" e l'inesistente PO ora dice lo stesso. I ricollocati sono destinati a diventare i nostri nuovi schiavi. Un buon cattolico non può chiedere tutto questo. Bisogna RIMPATRIARLI, RIM-PA-TRIARLI nel loro paese di origine e ricollegarsi a quanto ho scritto nel punto 3. Giusta la frase di Renzi "aiutamoli a casa loro", purtroppo il concetto è uscito da una persona poco credibile.
Immagine
Se sei nuovo/a, leggi prima il regolamento e la netiquette.

eupremioguada
Mały Małysz
Mały Małysz
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 ottobre 2007, 19:09

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#50 Messaggio da eupremioguada » domenica 16 luglio 2017, 16:39

Finalmente ho trovato nelle parole e nei concetti di Greenhouse tutto quello che vado dicendo e scrivendo su vari giornali italiani, inglesi e polacchi da tempo.A Brindisi dove abito ne sono sbarcati l'altro giorno 860.Questa gente passa il tempo a girare con delle vecchie bici, a rovistare nei cassonetti e nelle discariche ora molto numerose a Brindisi, a chiedere soldi dappertutto, a farsi sfruttare, ecc.
Tutti, dico tutti, i Paesi della UE non vogliono risolvere il problema dei problemi.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 1 ospite