Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

Messaggio
Autore
Avatar utente
alekosds
Biało-czerwony
Biało-czerwony
Messaggi: 334
Iscritto il: martedì 13 marzo 2012, 13:57

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#41 Messaggio da alekosds » martedì 11 luglio 2017, 16:45

A proposito dell'odio vomitato sul web, vorrei suggerirvi un film visto l'altra sera: "Che vuoi che sia" con e di Edoardo Leo.

Non aggiungo altro perche' andrei off topic.
"Se la gente dovesse scegliere tra la libertà e i sandwiches, sceglierebbe i sandwiches” John Boyd Orr

Avatar utente
Greenhouse
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 1220
Iscritto il: giovedì 19 aprile 2007, 22:18

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#42 Messaggio da Greenhouse » mercoledì 12 luglio 2017, 13:01

GioJos ha scritto:
alekosds ha scritto: @GH sull'Italia spezzata in 2 Berlusconi/Prodi non mi trovi d'accordo.
Concordo invece sull'improponibilità di equiparare i Governi Prodi e quelli di Berlusconi. Il primo ha provato a raddrizzare un po' il Paese, con provvedimenti anche forti e talvolta impopolari, ma è stato fatto fuori la prima volta dai suoi e la seconda da una vergognosa comparavendita di senatori (De Gregorio) che solo in un Paese dalla stampa corrotta e collusa come il nostro può passare sotto silenzio.
Il secondo è uno dei principali responsabili del declino italico dell'ultimo ventennio. Non per quel (poco) che fatto, peraltro male; ma per quel tanto che non ha fatto
Attenzione, io non ho confrontato i due governi italiani, quanto le analogie del periodo (paese spezzato in due fra pseudo-destra e pseudo-sinistra) e quello attuale fra i "seguaci" di Tusk e quelli di Kaczyński.
Non entro nel merito dei commenti riguardanti l'attività dei governi italiani del tempo, andrei OT e, soprattutto, dovrei apostrofare i protagonisti del tempo in maniera molto pesante.
Immagine
Se sei nuovo/a, leggi prima il regolamento e la netiquette.

Avatar utente
alekosds
Biało-czerwony
Biało-czerwony
Messaggi: 334
Iscritto il: martedì 13 marzo 2012, 13:57

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#43 Messaggio da alekosds » giovedì 13 luglio 2017, 8:48

mada ha scritto:Secondo me la posizione della Chiesa polacca non e' unica.
Purtroppo non e' solo la Chiesa Polacca ad essere divisa anche quella Italiana... gli integralisti stanno ovunque.

mada ha scritto:Finiamola di dire che Szydlo esegue quello che gli dice Kaczynski.
Scusa se ti contraddico ma e' fuori di dubbio (in tutta Europa) che Kaczynski sia il personaggio politico piu' influente in Polonia.

mada ha scritto:Intanto la Polonia non e' sola nella sua posizione sui migranti, semmai l'Italia e' sola e nessuno vuole prendere le barche dalla Libia.
Su questo punto hai tristemente ragione.

mada ha scritto:La Polonia vuole difendere le sue tradizioni cristiane,la sua identita' e non vuole fare la fine di Francia,Belgio, Svezia dove ci sono zone in cui e' pericoloso entrare, dove nemmeno entra la polizia
Su questo non mi trovi daccordo perche' il fatto che non si possa entrare in certe zone non dipende dalla religione ne' dagli immigrati, dipende dalla delinquenza.
A Roma, Milano, Palermo, Napoli, in tutte le citta' ci sono zone "pericolose"; senza andare troppo lontano, nella mia Bytom m'hanno avvertito di evitare certe zone... e li non ci sono Musulmani.
Purtroppo, la stupidita', la delinquenza e l'integralismo non hanno una sola matrice religiosa, diaciamo che sono equiditribuite in tutte le culture e tutte le etnie.
"Se la gente dovesse scegliere tra la libertà e i sandwiches, sceglierebbe i sandwiches” John Boyd Orr

Avatar utente
alekosds
Biało-czerwony
Biało-czerwony
Messaggi: 334
Iscritto il: martedì 13 marzo 2012, 13:57

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#44 Messaggio da alekosds » domenica 16 luglio 2017, 5:53

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/e ... 4772c.html
davanti questa operazione, credo che tutti gli "scandali" del precedente governo passino in secondo piano.
Se i 3 poteri di uno stato democratico sono in mano ad un solo partito, si torna a prima del 1990: dittatura.
"Se la gente dovesse scegliere tra la libertà e i sandwiches, sceglierebbe i sandwiches” John Boyd Orr

Avatar utente
Greenhouse
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 1220
Iscritto il: giovedì 19 aprile 2007, 22:18

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#45 Messaggio da Greenhouse » domenica 16 luglio 2017, 9:59

mada ha scritto:3- Intanto la Polonia non e' sola nella sua posizione sui migranti, semmai l'Italia e' sola e nessuno vuole prendere le barche dalla Libia.
La Polonia vuole difendere le sue tradizioni cristiane,la sua identita' e non vuole fare la fine di Francia,Belgio, Svezia dove ci sono zone in cui e' pericoloso entrare, dove nemmeno entra la polizia
Finiamola con questa storia delle tradizioni cristiane.
La Polonia si sta sviluppando in maniera notevole negli ultimi anni, questo sia grazie a importanti investimenti esteri, favoriti da una posizione centrale in Europa particolarmente favorevole, sia grazie agli interventi del governo PO che, con sgravi fiscali, li ha favoriti.
A questo si aggiungono un livello scolastico notevole, università all'avanguardia e giovani menti che aprono start-up di interesse mondiale.
E che non mi si venga a dire che il "nemico straniero" ha invaso la Polonia, senza gli investimenti stranieri qui ci sarebbe la fame, l'industria polacca è ancora troppo indietro anche rispetto a quella italiana, per cui chi grida "Polska dla Polaków" dovrebbe pensarci due volte.
Le "tradizioni cristiane" di cui si ostina a parlare Mada non sono altro che un argomento di comodo per solidificare l'elettorato delle zone rurali, dove basta regalare 500 zł a figlio e gridare all'uomo nero per avere garantito il voto.
Bruciare carbone e ostacolare le rinnovabili, controllare i tribunali, distruggere la Foresta di Białowieża, rendere illegale l'aborto, mettere la pillola del giorno dopo disponibile su ricetta, non è da radici cristiane, è la cavernicoli.
C'è una parte della Polonia che si sta sviluppando a ritmi notevoli, c'è un'altra parte rurale che, con tutti i governi, sta rimanendo tale ma a cui si stanno regalare soldi per non fare niente, facendo prendere il loro posto agli ucraini.
E' un paese sempre più moderno e aperto al mondo, ma al politico di turno fa comodo tenerlo al medioevo per motivi elettorali.
Oltretutto, le religioni parlano sempre di amore e fratellanza, come mai proprio i più fervidi cattolici sono quelli più accaniti contro i migranti?

TUTTAVIA, io sono pienamente d'accordo con la linea di questo governo nel NON accogliere i migranti.
Sia chiaro, le motivazioni sono ben diverse, quelle di questo governo sono meramente elettorali e ci hanno ben marciato durante la campagna elettorale, ma almeno, a differenza del PO, ha una posizione chiara e ben definita.
I miei motivi sono diversi e non hanno nulla a che vedere con le religioni che, onestamente, non destano il mio interesse:
1. I populisti sfruttano la situazione per motivi elettorali. I vari Salvini, LePen, Kaczyński ecc.... non hanno interesse a risolvere il problema, bensì a farlo DURARE, perchè un problema dell'immigrazione risolto non giustificherebbe più la loro esistenza. Invece grazie a loro siamo al limite della guerra civile in molti paesi d'Europa mentre i politici stanno a guardare con interesse. Il caos è la migliore forma di controllo delle masse. Senza gridare al musulmano che invade l'Europa minacciando le "radici cristiane" e senza dare i 500 zł a cani e porci per stare a casa a fare figli, quelli del PiS non avrebbero preso neanche il voto dei parenti.
2. Guerre. Se veramente il governo polacco avesse a cuore il problema, dovrebbe pretendere un'azione politica decisa e unica EUROPEA. La Sig.ra Premier, anzichè litigare con tutti, dovrebbe richiedere un'Europa forte e unita con l'obiettivo di FERMARE queste guerre usando il peso politico di 27 paesi messi insieme, in quanto spesso le cause siamo noi stessi occidentali. Questo perchè, a livello mondiale, la Polonia (così come l'Italia) non conta un c****, ma una UE decisa e unita si. Dovrebbe, insomma, pretendere un'UE portatore di pace nel mondo, invece preferisce scontrarsi con la Merkel con ogni pretesto. Chi vive nei paesi dove c'è pace e prosperità non ha bisogno di emigrare.
3. Fame. Di nuovo ritorna la posizione ridicola di Mada sulla Caritas per difendere l'indifendibile. I paesi di origine hanno bisogno di scuole, università, bisogna favorire gli imprenditori africani, bisogna smettere di depredarli delle loro materie prime. Bisogna vendere loro cultura e tecnologie, non armi. Occorre che economisti intervengano in questi paesi con un'economia monetaria fatta nell'interesse pubblico. Non bisogna dare loro un pesce, bisogna insegnare loro a pescare. Un paese autosufficiente e con un elevato livello scolastico non ha bisogno di emigrare.
4. Mafie. Sono quelle che ci stanno guadagnando sull'immigrazione. Bisogna colpire loro. Quanto questo governo e l'UE stanno facendo in merito? Niente. Nel frattempo i miliardi girano e il Mediterraneo è sempre più una tomba.
5. Il ricollocare è quanto di più disumano si possa fare, è un insulto alla dignità umana, stiamo parlando di persone, non di merci. Il governo polacco dice "nie chcemy i już" e l'inesistente PO ora dice lo stesso. I ricollocati sono destinati a diventare i nostri nuovi schiavi. Un buon cattolico non può chiedere tutto questo. Bisogna RIMPATRIARLI, RIM-PA-TRIARLI nel loro paese di origine e ricollegarsi a quanto ho scritto nel punto 3. Giusta la frase di Renzi "aiutamoli a casa loro", purtroppo il concetto è uscito da una persona poco credibile.
Immagine
Se sei nuovo/a, leggi prima il regolamento e la netiquette.

eupremioguada
Mały Małysz
Mały Małysz
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 ottobre 2007, 19:09

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#46 Messaggio da eupremioguada » domenica 16 luglio 2017, 16:39

Finalmente ho trovato nelle parole e nei concetti di Greenhouse tutto quello che vado dicendo e scrivendo su vari giornali italiani, inglesi e polacchi da tempo.A Brindisi dove abito ne sono sbarcati l'altro giorno 860.Questa gente passa il tempo a girare con delle vecchie bici, a rovistare nei cassonetti e nelle discariche ora molto numerose a Brindisi, a chiedere soldi dappertutto, a farsi sfruttare, ecc.
Tutti, dico tutti, i Paesi della UE non vogliono risolvere il problema dei problemi.

Avatar utente
Greenhouse
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 1220
Iscritto il: giovedì 19 aprile 2007, 22:18

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#47 Messaggio da Greenhouse » lunedì 17 luglio 2017, 8:59

mada ha scritto:Mi piace '' Un buon cattolico non può chiedere tutto questo'' : qui viene fuori la tua arroganza da ateo che vuole insegnare al cattolico. Complimenti!
Inoltre e' ora di smettere di offendere i cattolici definendoli medioevali. Hai finito gli argomenti ed inizi ad offendere.
In primo luogo non e' un offesa, dovresti sapere che la cultura greco-romana e quindi occidentale nel medioevo si e' salvata grazie al cattolicesimo del monaci.
Infine addio, questo e' il mio ultimo messaggio, puoi continuare ad offendere i cattolici (e le zone rurali) se ti crea gioia e soddisfazione.

PS: una donna che abortisce uccide una persona, per te e' una cosa normale, per me no.
Una donna che abortisce si porta per sempre questo peso.Viva la liberta' !
Mada, io di argomenti ne ho quanti ne vuoi, posso smontare e rimontare a mio piacimento tutti i tuoi preconcetti, non ho bisogno di offendere nessuno.
Io non sono legato nè a logiche di partito nè a preconcetti religiosi, sono troppo avanti rispetto a certe cose.
La prova è stata quella di appoggiare questo governo per la scelta di non accogliere i migranti e do ragione a loro anche in altri temi (vedi l'argomento EURO).
Nella mia vita sono stato vicino a partiti e ho frequentato per tanti anni associazioni cattoliche, ho superato tutto questo.
Inoltre, non mi definisco affatto ateo, semplicemente l'argomento religione (che sia cattolicesimo, buddismo, islam ecc...) non è per me interessante e non perdo tempo a discuterne, a meno che c'è chi vuole condizionare la mia vita usando la religione come pretesto, a quel punto ci vado pesante.
E comunque non mi pare di averti insultata e non ho parlato genericamente dei cattolici, ma solo della sua parte integralista, se ti offendi, perdonami ma sei tu non in grado di tenermi testa.
Ci sono tantissimi cattolici che non sono affatto d'accordo con le politiche di questo governo e lo dimostrano quotidianamente.
Una dimostrazione è stata il Czarny Poniedziałek, erano tutte atee le donne che hanno protestato? No, quelle erano DONNE che decidono sul loro corpo con la propria testa, non sei tu a decidere per loro e chi ti parla è padre di due figli.
Comunque se vuoi salutarci, me ne farò una ragione.
Immagine
Se sei nuovo/a, leggi prima il regolamento e la netiquette.

Avatar utente
alekosds
Biało-czerwony
Biało-czerwony
Messaggi: 334
Iscritto il: martedì 13 marzo 2012, 13:57

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#48 Messaggio da alekosds » lunedì 17 luglio 2017, 10:05

*mode off topic on

Non entro nella diatriba "GH vs Mada" non mi sento di difendere nessuno dei 2. (forse e' piu' corretto dire: non credo che abbiano bisogno della mia difesa)

Pero' nel discorso di GH noto un punto che credo parecchio off topic: la pillola del giorno dopo.
Quella pillola e' un medicinale abbastanza forte, non e' un'aspirina, credo sia corretto che venga dato solo sotto prescrizione medica.
Il medico che la prescrive deve prendersi la responsabilita' di quello che sta facendo e la paziente deve sapere quali sono i rischi e gli effetti collaterali a cui va incontro.
La pubblicita' che se n'e' fatta e' che sia un anticoncezionale come un normale condom... e questo non e'.

Per quanto riguarda la questione migranti ti rispondo, appena ho un po' piu' di tempo sul post inerente non qua.

*mode off topic off
"Se la gente dovesse scegliere tra la libertà e i sandwiches, sceglierebbe i sandwiches” John Boyd Orr

GioJos
Italo-Polacco ad honorem
Italo-Polacco ad honorem
Messaggi: 595
Iscritto il: sabato 30 giugno 2012, 20:30

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#49 Messaggio da GioJos » lunedì 17 luglio 2017, 18:08

Greenhouse ha scritto:. Il governo polacco dice "nie chcemy i już" e l'inesistente PO ora dice lo stesso. I ricollocati sono destinati a diventare i nostri nuovi schiavi. Un buon cattolico non può chiedere tutto questo. Bisogna RIMPATRIARLI, RIM-PA-TRIARLI nel loro paese di origine e ricollegarsi a quanto ho scritto nel punto 3. Giusta la frase di Renzi "aiutamoli a casa loro", purtroppo il concetto è uscito da una persona poco credibile.
Quoto Greenhouse su tutto, sia in dettaglio che concettualmente; salvo la questione ricollocamenti. Lì dissento fermamente.
Il famoso "Aiutiamoli a casa loro" suona molto ipocrita in bocca ai politici, del tutto aleatorio - per non dire illusorio - sulla bocca dell'uomo comune.
E' in intento encomiabile, per carità. Ma del tutto irrealizzabile nel breve periodo (e anche nel lungo, non mi pare che a livello mondiale ci si muova in quella direzione. Anzi!).
Nel frattempo 'sti poveri disperati fuggono dalla fame, dalla guerra e dalle persecuzioni. E' un dovere accoglierli. Il discorso giusto o non giusto non si pone prorio: è un dovere, punto. Sancito anche dal diritto internazionale.

E poiché costoro, com'è loro diritto, avanzano richiesta d'asilo, giacché i confini nazionali sono oggi confini UE e la UE è giusto che ci sia per i motivi ben illustrati da Green e tanti altri che non sto ad elencare, sarebbe altrettanto doverosa la ripartizione pro quota.
Non ci sono distinguo o (diverse) motivazioni che tengano

Avatar utente
alekosds
Biało-czerwony
Biało-czerwony
Messaggi: 334
Iscritto il: martedì 13 marzo 2012, 13:57

Re: Tusk,no tu no,ma perchè /perchè no

#50 Messaggio da alekosds » giovedì 19 ottobre 2017, 1:24

La politica è anche l'arte del compromesso e della diplomazia. Tusk sta dimostrando di essere un ottimo politico. Sono onorato di avere un presidente del consiglio Europeo che lavora così bene e per l'unità degli Stati che rappresenta.
"Se la gente dovesse scegliere tra la libertà e i sandwiches, sceglierebbe i sandwiches” John Boyd Orr

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti