Città medio-piccole della Polonia/Miasteczka w Polsce

Qui parliamo solo di turismo a scopi culturali.
Si prega di non chiedere indirizzi di hotel, ristoranti e altre attività simili.
Rispondi
Messaggio
Autore
eupremioguada
Mały Małysz
Mały Małysz
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 ottobre 2007, 19:09

Città medio-piccole della Polonia/Miasteczka w Polsce

#1 Messaggio da eupremioguada » mercoledì 7 novembre 2007, 15:12

Leggo spesso in questo forum di città grandi e importanti della Polonia.

Perchè non si tenta di vedere i polacchi e la Polonia , nel bene e nel male, da osservatori più piccoli e meno conosciuti ai più?
Se c'è qualcuno che inizia, lo seguirò a ruota.
Se alcuni ritengono che solo Parigi sia la Francia, che solo Londra sia il Regno Unito e che solo Roma sia l'Italia, hanno una visione parziale della realtà .

Ciao
Eupremio

Avatar utente
CuoreSportivo
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 396
Iscritto il: sabato 16 giugno 2007, 10:31

#2 Messaggio da CuoreSportivo » mercoledì 7 novembre 2007, 18:01

Beh, la Polonia, si vede proprio nei paesi più piccoli... :wink: (e credo in generale un pò tutti gli stati...)

E' proprio lì che si racchiudono culture, tradizioni...

Si, sarò innamoratissimo di Varsavia... Mi piace stare a Cracovia, Danzica, Wroclaw...

Ma è proprio nei paesini che conosci meglio la gente polacca e soprattutto le tradizioni (fino a poco tempo fa, a Zakrzowek, portavano ancora il latte fresco porta a porta ogni mattina :wink: ).

E' che noi, una volta lì, tendiamo più a stare nelle grandi città (indubbiamente per un ragazzo è diverso...), e quindi quelle più piccole vengono sottovalutate.

Mi piace stare a Zakrzowek (parlo di me personalmente), perchè c'è la mia famiglia... Però dopo un pò (parlo di 6-7 giorni), ti scoccia stare lì (a fare nulla...).
Immagine

Immagine Immagine

Avatar utente
Mareczku
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 278
Iscritto il: domenica 21 ottobre 2007, 20:46

#3 Messaggio da Mareczku » mercoledì 7 novembre 2007, 19:19

Eupremio, si legge più spesso di grandi città perchè penso che per una persona che viene da un altro Paese, sia più semplice e naturale ambientarsi e relazionarsi con la grande città, piuttosto che col paesino; ad esempio, in città, se proprio non sai la lingua del posto, c'è una probabilità maggiore di trovare persone che parlano almeno l'inglese.
Ciò fa parte del fatto che le grandi città tendono ad essere necessariamente più "internazionali", offrendo servizi che potremmo trovare in molti altri Paesi diversi. Ci sarebbe una specie di ambientamento progressivo al Paese.

Nel paesino o in campagna (la mia esperienza personale riguarda Karmanowice) è ovvio che uno straniero avrebbe bisogno di un minimo di guida o di interprete, o di un maggior senso pratico, proprio perchè lì troviamo quasi esclusivamente gente del posto e attività più legate alla tradizione e al territorio. Diciamo che nel paesino polacco, se sei italiano, solo, e non sai la lingua del posto...è più dura cavarsela, no?

Detto questo, posso dire che, nonostante io sia un ragazzo di città, ogni tanto mi piace andare in campagna con la mia ragazza, ma anche con la sua famiglia: rimango affascinato dalle piante cariche di lamponi (e che bello mangiarli appena raccolti!), dal giallo dei fagiolini (qui penso siano più comuni quelli verdi), dalla frutta che pende dagli alberi, dai fiori, specialmente dagli enormi girasoli, dagli spazi più ampi rispetto alla "segregazione" cittadina. Sulla strada che conduce alla casa, poi, c'è un unico negozietto di alimentari che trovo davvero irresistibile: c'è tutto ciò di cui si può aver bisogno...pasta italiana inclusa :) !! Ho anche notato che in campagna la gente usa un linguaggio più ricco di diminutivi (cytrynka, pasztecik,...) :) .

To na razie wszystko,
pa!

Avatar utente
Greenhouse
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 1192
Iscritto il: giovedì 19 aprile 2007, 22:18

#4 Messaggio da Greenhouse » sabato 8 dicembre 2007, 12:21

Beh, io più che per i paesi piccoli ho una predilezione verso la natura in Polonia, argomento, purtroppo, ancora poco trattato.
Rimanendo comunque in argomento, io ho già parlato più volte di Cieszyn e della bellezza di questa città, per metà polacca e per l'altra metà ceca (Český Těšín appunto), il cui centro è stato progettato dagli stessi architetti di Cracovia
Oltretutto, in Slesia, ovvero la regione che frequento io (e dove probabilmente abiterò) ci sono paesi molto belli come Pszczyna e Gliwice che vale la pena visitare.
Che siano i piccoli paesini a rappresentare la Polonia? Può darsi, sicuramente è interessante non tanto visitarli, quanto viverli.
Immagine
Se sei nuovo/a, leggi prima il regolamento e la netiquette.

eupremioguada
Mały Małysz
Mały Małysz
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 ottobre 2007, 19:09

#5 Messaggio da eupremioguada » domenica 9 dicembre 2007, 10:02

Greenhouse, mi è piaciuta l'espressione da te usata "quanto viverli".E' proprio vero.

Quando ero fidanzato com mia moglie, anch'io tendevo a recarmi nelle grandi città della Polonia.Poi ho scoperto e riscoperto paesini, che sono completamente diversi in tutto da quelli che solitamente siamo abituati a vedere nel Meridione, almeno io che vivo a Brindisi.

Non vedo l'ora di tornare a Hel, ad esempio o a Markowice o a Rosalinowo o a Gniewkowo.Ma ci tornerò senza i figli , senza il socialismo reale e l'effetto probabilmente sarà diverso.

Avatar utente
odnamra
Mały Małysz
Mały Małysz
Messaggi: 169
Iscritto il: venerdì 22 giugno 2007, 17:31

#6 Messaggio da odnamra » domenica 9 dicembre 2007, 18:49

Beh ragazzi, i miei tre anni e mezzo passati in Polonia hanno significato essenzialmente Varsavia: là ho fatto un anno di Erasmus, là ho conosciuto la mia attuale ragazza. Però sono il primo a dire che la Polonia è SOPRATTUTTO (scusate il maiuscolo ma ci tenevo a precisarlo) ruralità. Io posso raccontarvi la ruralità che ho vissuto in Polonia, e cioè in Masuria a casa della mamma della mia ragazza. Un paese di 35000 abitanti ma una dimensione totalmente diversa dalla capitale. E ti rendi conto che Varsavia non rappresenta pienamente la Polonia...
Immagine

Avatar utente
sasa
Mały Małysz
Mały Małysz
Messaggi: 159
Iscritto il: martedì 12 giugno 2007, 9:43

#7 Messaggio da sasa » lunedì 10 dicembre 2007, 10:38

Concordo pienamente nel dire che bisogna vivere la realtà del paese per quanto mi riguarda Lubatowa è un paesino piccolo, noi andiamo spesso a Krosno ma già li e un po caotico amo la natura è le passeggiate nei boschi o semplicemente andare in campagna a raccogliere le patate o altro, cose semplici ma che a mè fanno stare veramente bene :wink:
Ho smarrito il mio Angelo............

eupremioguada
Mały Małysz
Mały Małysz
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 ottobre 2007, 19:09

#8 Messaggio da eupremioguada » lunedì 10 dicembre 2007, 11:36

Odnamara e Sasa, avete detto due cose ancora più belle e vere sulla Polonia.Io ,che amo già l'essere bucolico e la "ruralità" , ora sto proprio over the moon con quello che avete scritto.La vera Polonia è proprio quella .

Impazzivo e impazzisco ogni volta che mia cognata Bronia di Inowroclaw mi portava e mi porta al mercaro della frutta e verdura della sua città .Niente a che fare con quello che si vede da noi.
Come dice Emilio, bisogna viverle certe cose, a pelle, con i sensi.

Mia suocera , quando "le strappai la figlia", diceva sempre "zglubiona corka".Ma voi sapete , quanto o meglio di me, quanto sia forte l'attaccamento dei polacchi alle loro radici e al loro Paese.Io, lo ripeto, ritrovo una dimensione giusta quando vado a trovare degli amici a Osniszczewo.Se provi a spiegarlo a certi italiani/e, non ti capiscono .
Quelle emozioni che nessuno ti potrà scippare mai nella vita fanno e faranno parte di me .
Ciao dalla soleggiata Brindisi

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti