Castello di Ogrodzieniec. Fortezza dei Nidi d'Aquila

Il Castello di Ogrodzieniec è la fortezza principale dei Nidi d'Aquila, un complesso difensivo lungo l'Altopiano di Cracovia-Częstochowa.

Un luogo ricco di storia salito alla ribalta grazie anche a opere cinematografiche e al famoso Sentiero dei Nidi d'Aquila.

Dove si trova il Castello di Ogrodzieniec

Il castello si trova nel Voivodato della Slesia presso la località di Podzamce, adiacente a Ogrodzieniec in un'area compresa fra Katowice, Cracovia e Częstochowa.

Si trova all'interno del Parco Paesaggistico dei Nidi d'Aquila, un'area protetta che comprende anche altri castelli come quello di Olsztyn, di Mirów e di Bobolice.

 

Geologia

Il castello di Ogrodzieniec è stato costruito su un cocuzzolo calcareo del Giurassico Superiore a quota 504 metri s.l.m.

Pur considerando la quota esigua, si tratta del rilievo principale dell'Altopiano di Cracovia-Częstochowa.

I fossili trovati al suo interno come ammoniti, alghe e spugne indicano un ambiente di mare caldo e superficiale con un'età fra i 130 e i 150 milioni di anni.

 

La Storia

Castello di Ogrodzieniec in inverno

 

Le prime documentazioni sull'esistenza di un castello in quest'area risalgono al XII secolo. A suo tempo era una piccola fortezza prevalentemente costruita in legno ma con un forte valore difensivo.

Inizialmente il castello apparteneva alla dinastia dei Włodek. La struttura durò fino al 1241 quando i Tartari lo distrussero e gli diedero fuoco. Solo successivamente i proprietari lo ricostruirono seguendo uno stile gotico e interamente in roccia.

Negli anni successivi il castello cambio diversi proprietari fino al 1423 quando diventò proprietà del banchiere Jan Boner e successivamente del nipote Seweryn Boner. La nuova proprietà convertì il castello in una delle principali fortezze della zona.

Nel 1655 gli svedesi danneggiarono le mura meridionali e si ripeterono nel 1702 dando inizio al lento decadimento del castello fino al 1810 quando l'ultimo proprietario lo abbandonò al suo destino.

Solo dopo la seconda guerra mondiale il castello di Ogrodzieniec divenne proprietà dello stato e soltanto allora cominciarono i lavori di recupero per renderlo fruibile ai turisti.

 

Cinema

Nel 2002, il castello di Ogrodzeniec è stato lo scenario del film Zemsta (Vendetta) diretto dal regista polacco Andrzej Wajda morto nel 2016.

Il film si basa sulla farsa teatrale di Aleksader Fredro dove ogni battuta è rimata.

Gli attori sono fra i principali esponenti del cinema polacco come il noto regista Roman Polański, Agata Buzek, figlia dell'ex premier polacco Jerzy Buzek, Janusz Gajos che ha recitato anche con Krzysztof Kieślowski in Film Bianco, Daniel Olbrychski, Katarzyna Figura e molti altri.

 

Cosa vedere al castello di Ogrodzieniec

Si può decidere se visitare solo l'esterno delle mura o se si vuole accedere al suo interno dove si trovano la torre panoramica, la sala delle torture e il museo.

Anche i dintorni del castello vanno visitati per i suoi affioramenti di rocce carbonatiche giurassiche da cui godere di un piacevole panorama della zona.

Importante sottolineare che il Castello di Ogrodzieniec è una delle tappe principali del Sentiero dei nidi d'aquila, un percorso campestre che collega Cracovia con Częstochowa.

 

Come arrivare

In macchina il tragitto da Cracovia, Częstochowa e Katowice dura circa un'ora.

Da Katowice occorre uscire a Dąbrowa Górnicza seguendo le indicazioni.

Da Cracovia la strada migliore è la statale n. 94 che attraversa Olkusz per poi svoltare verso Nord.

Da Częstochowa occorre attraversare la vecchia statale n. 1 uscendo a Siewierz e attraversando Zawiercie.

Proprio a Zawiercie si trova la stazione ferroviaria più vicina. Dalla stazione si può raggiungere Ogrodzieniec in autobus.

Dal parcheggio si procede a piedi attraverso ul. Zamkowa fino alla biglietteria. Nei pressi di ul. Krakowska sono presenti alcuni parcheggi a pagamento, tuttavia non mancano quelli presso i privati.

Ti è piaciuto il mio articolo? Vuoi rimanere aggiornato sulle mie ultime novità? Allora iscriviti alla Newsletter e seguimi sulle mie pagine social Facebook, Instagram e Pinterest.