Parco Nazionale di Babia Góra

2- Racconto dell'escursione - Perć Akademików

Cima del Diablak da Perć Akademików

 

Perć Akademików è il sentiero più difficile dei Monti Beschidi per via delle forti pendenze e di alcuni tratti in arrampicata.

Un percorso riservato a escursionisti esperti e in grado di destreggiarsi su tratti attrezzati con catene.

Si tratta del passaggio che più ricorda i Monti Tatra e cime non elevate ma impegnative come quelle del Giewont. Per cui può rivelarsi un valido allenamento per chi vuole affrontare le principali montagne in Polonia.

Il sentiero programmato parte e si chiude a Zawoja per una durata di circa cinque ore e mezza, una lunghezza di tredici chilometri e un'ascesa di millecento metri.

 

Partenza da Zawoja

La partenza è prevista dal parcheggio di Zawoja, per trovarlo su Google Maps o su Waze occorre cercare Parking Babia Góra Markowe.

Il sentiero iniziale è quello verde che porta al rifugio PTTK di Markowe Szczawiny. La durata è di un'ora e mezza di marcia con un'ascesa di quasi cinquecento metri.

Il tratto iniziale è su sterrato mentre proseguendo si passa a gradini in roccia in ottimo stato ma che con la pioggia possono essere alquanto scivolosi. Le pendenze sul tratto in roccia sono alquanto elevate e mettono già a dura prova gli escursionisti.

Tutto il sentiero è immerso nella foresta ma a sprazzi è possibile già vedere la cima del Diablak. Il sentiero termina presso il rifugio PTTK di Markowe Szczawiny.

 

Perć Akademików

Perć Akademików, passaggio con catene

 

Dal Rifugio di Markowe Szczawiny occorre svoltare a sinistra lungo il sentiero giallo e blu in direzione di Przełęcz Krowiarki.

Il tratto è pianeggiante e va affrontato per circa un quarto d'ora fino a quando i due sentieri non si separano.

Giungendo a Skręt Ratowników, la segnaletica sulla parte sinistra del sentiero indica il proseguimento di quello giallo in salita sulla destra. Questo indica l'inizio del Perć Akademików per un'ascesa di circa cinquecento metri per una durata di un'ora e un quarto.

Questo tratto di sentiero può essere affrontato solo in ascesa ed è chiuso nel periodo invernale a causa dell'elevato rischio valanghe. Nel 2021, dato il lungo inverno, è stato aperto solo il due Giugno.

La prima parte del sentiero, chiamata Piarżysty Źleb, attraversa la foresta. Tutto il tratto è su scalini rocciosi con una pendenza leggermente più bassa rispetto al sentiero verde. Più si sale, più si apre la vista sulla cima del Babia Góra.

Uscendo dalla foresta comincia il tratto più difficile.

Il primo passaggio è un traverso di circa otto metri con delle catene pressocchè pianeggiante ma a picco sul burrone. Tuttavia c'è spazio sufficiente per camminare agevolmente.

Proseguendo, dopo un centinaio di metri riprendono i tratti attrezzati, stavolta con pendenze elevate. Inizialmente ci sono solo catene mentre più avanti si trovano delle maniglie che, in un tratto, vanno a formare una scala in quanto si sale verticalmente.

Dai millecinquecento metri in su si sale senza catene ma con forti pendenze. Il Perć Akademików prosegue a zig-zag per altri duecento metri sotto il cocuzzolo del Diablak fino a terminare immediatamente sotto la cima.

 

Discesa verso Zawoja

Salita verso il Diablak

 

Dalla cima di Babia Góra si percorre il Sentiero principale dei Beschidi fino a Przełęcz Brona così come nell'esperienza invernale di cui sopra, solo che questa volta si procede dalla parte opposta.

Da Przełęcz Brona al Rifugio PTTK di Markowe Szczawiny si scende sul ripido quanto breve percorso di una ventina di minuti. Il tratto si trova interamente su gradini di roccia per cui facilmente percorribili sebbene occorra prestare attenzione in caso di fondo bagnato.

Dal Rifugio di Markowe Szczawiny, per chiudere con un otto, sono sceso tramite il sentiero nero. Il percorso è quasi interamente nella foresta sebbene per un breve tratto si gode di un bel panorama della cima del Babia Góra e dell'adiacente Polica.

Il sentiero nero incrocia quello blu e proprio questo va seguito svoltando poi a destra fino a tornare al parcheggio.

 

Mappa del percorso

Iscriviti alla nostra Newsletter

VUOI RIMANERE AGGIORNATO SULLE MIE ULTIME NOVITÀ? ISCRIVITI ALLA MIA NEWSLETTER.Una volta iscritto potrai scaricare gratuitamente la mia guida «Valli dei Monti Tatra» in formato PDF.

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Utilizziamo i cookie sul nostro sito web per offrirti l'esperienza più pertinente ricordando le tue preferenze e le tue visite ripetute.

Cliccando su "Approvo", acconsenti all'utilizzo di TUTTI i cookie. Tuttavia, puoi visitare "Impostazioni cookie" per fornire un consenso controllato. Per saperne di piu'

Approvo