Pilsko. Escursione sui Beschidi di Żywiec

Pilsko, con i suoi 1557 metri, è una delle montagne più alte dei Beschidi di Żywiec che maggiormente attirano gli escursionisti del Voivodato della Slesia nonché degli sciatori nella stagione invernale.

Dove si trova Pilsko

Pilsko si all'interno dell'omonimo parco paesaggistico (Żywiecki Park Krajobrazowy) ma la cima fiace in Slovacchia a circa quattrocento metri dal confine.

Quella principale in territorio polacco è Góra Pięciu Kopców a quota 1534 metri ma bastano cinque minuti di marcia per raggiungere la vetta più alta del rilievo.

Esistono parecchi sentieri che portano a Pilsko sia dalla Polonia che dalla Slovacchia.

Su questo articolo racconto il percorso giudicato fra i più suggestivi da un punto di vista paesaggistico e che consente di chiudere l'escursione in cerchio.

L'ascesa è di circa mille metri da percorrere in poco più di cinque ore.

 

Geologia e Natura attorno al Pilsko

Durante l'intero percorso si cammina lungo le rocce appartenenti alla formazione del Flysch dei Carpazi risalenti al Cretaceo.

Da un punto di vista geomorfologico, il versante è addolcito dall'erosione glaciale e fluviale, in particolare dal torrente Buczyna che ha scavato la valle fra i due sentieri scelti.

La vegetazione cambia con la quota. A valle sono presenti per lo più latifoglie con prevalenza di faggi per poi passare a Hala Miziowa a una vegetazione con basse conifere soprattutto nei pressi della cima del Pilsko.

 

Korbielów, punto di partenza per il Pilsko

 

Pilsko può essere raggiunta dalla non lontana cima di Rysianka o dal parcheggio sul confine slovacco, tuttavia il punto di partenza principale è Korbielów, piccola località di montagna conosciuta per il turismo legato alle escursioni e allo sci.

Il punto di partenza dei sentieri consigliati è all'inizio di ul. Leśna a seicento metri di quota. Il luogo è facilmente riconoscibile in quanto si trova un ristorante e un parcheggio solitamente a pagamento accanto al torrente Buczynka.

Una volta lasciata la macchina, si comincia l'escursione lungo un tratto asfaltato fra pochi edifici.

A un certo punto la strada si dirama in due. A sinistra si trova il sentiero giallo, interamente nel bosco e con pendenze alquanto uniformi.

A destra si trova il sentiero blu, decisamente più irregolare con vari saliscendi in alternanza fra boschi ed estesi altopiani.

Data la ripidità di alcuni tratti, il consiglio è di svoltare a destra per il sentiero blu e di scendere con il giallo. Tuttavia nulla vieta di percorrere il sentiero in senso inverso.

 

Sentiero verso Hala Miziowa

Panorama in direzione di Hala Miziowa

 

Una premessa. Il sentiero è ben segnalato sugli alberi e sulle rocce, tuttavia fino a Hala Miziowa mancano del tutto i cartelli.

In questo tratto di salita si passa da un sentiero all'altro senza particolari indicazioni.

Per questo, oltre a prestare attenzione al sentiero, è importante avere una mappa con sé o installare una app con i sentieri.

Inoltre, non esistono particolari facilitazioni per gli escursionisti durante il percorso. Si cammina su sentieri morbidi di terra e rocce e con alcuni tratti che dopo le piogge possono risultare molto fangosi.

Una volta intrapreso il sentiero blu, si attraversa un altro tratto asfaltato prima di entrare nella foresta. Le pendenze sono alquanto elevate e si cammina interamente nei boschi.

In circa quarantacinque minuti di marcia si giunge a Przełęcz Przysłopy, un tratto di sentiero decisamente più largo a quota 857 metri. Sull'albero di fronte c'è una piccola edicola e il segnale con la diramazione del sentiero.

Per raggiungere Pilsko occorre proseguire a sinistra lungo il sentiero nero.

Questo tratto è meno impegnativo del precedente, si alternano tratti nella foresta ad altipiani come a Hala Uszczawne da dove si può godere di una splendida vista su Babia Góra.

Giunti a Przełęcz Buczynka a quota 1118 metri si percorre un alto tratto con pendenze poco elevate alternato fra rocce, altipiani e possibili tratti molto fangosi fino a Hala Miziowa.

Si tratta di un rifugio di montagna dove si trova la stazione alta della funivia. Da lì gli sciatori possono impegnarsi in una delle discese più interessanti dei Monti Beschidi.

Da Hala Miziowa passa il Sentiero Principale dei Beschidi che prosegue a Ovest verso Rysianka e a Est in direzione di Babia Góra.

 

Ti è piaciuto l'articolo fino ad ora? Iscrivendoti alla Newsletter potrai scaricare gratuitamente il mio ebook «Valli dei Monti Tatra» in formato PDF.

 

Pilsko

Cima del Monte Pilsko

 

Da Hala Miziowa a Pilsko esistono due sentieri, nero e giallo.

Quello nero ha delle pendenze molto elevate su un tratto brullo ma che in venti minuti porta a Hala Słowikowa, un altopiano che precede Góra Pięciu Kopców, detto comunemente il Pilsko polacco.

Da lì parte il sentiero blu che porta a Babia Góra, tuttavia i turisti sul posto proseguono solitamente dritto lungo il quello verde sconfinando in territorio slovacco e raggiungendo dopo soli cinque minuti di marcia la cima del Pilsko.

La cima è priva di alberi, sono presenti due croci e un altare. Nelle belle giornate si ha un'ottima vista verso Babia Góra e il versante slovacco, più difficile ma non impossibile vedere i Monti Tatra.

Per scendere occorre tornare a Góra Pięciu Kopców e proseguire lungo il sentiero giallo.

A un certo punto il sentiero si dirama, si può scendere attraverso lo stesso della salita oppure affrontare quello giallo sulla destra.

Quest'ultimo ha delle pendenze più blande e attraversa interamente la Riserva Pilsko. Attraversato un tratto di altopiano fra basse conifere, si entra nella foresta con una piacevole discesa fra rocce e sentieri sterrati prima di sbucare a Hala Miziowa.

 

Discesa per Korbielów

Per tornare a valle il consiglio è di seguire interamente il sentiero giallo.

Un percorso piacevole, interamente fra i boschi e con pendenze uniformi, spesso scelto dalle famiglie con bambini in età scolastica per la sua facilità.

Da Hala Miziowa i sentieri giallo e verde scendono insieme fino a una piccola area attrezzata. Da lì occorre svoltare a sinistra.

Volendo si può scegliere il sentiero verde, tuttavia per tornare al parcheggio sarà necessario affrontare un tratto asfaltato a Korbielów alquanto trafficato quanto povero di marciapiedi.

Di fronte si apre una piacevole vista della valle dal lato opposto rispetto a quello dell'andata. Il sentiero è morbido e raramente invaso dalle rocce.

Poco lontani da Korbielów si attraversa un ponte in legno per poi raggiungere il tratto asfaltato che riporta al parcheggio.

 

Consigli per l'escursione

Si tratta di un'escursione facile, priva di catene e che può essere affrontata anche da bambini in età scolastica.

La presenza di Hala Miziowa consente di spezzare l'escursione anche con un pernottamento.

Gli scarponi da trekking sono necessarie, non affrontate il percorso con le scarpe da tennis.

I bastoncini telescopici sono consigliati e possono essere usati dall'inizio del tratto sterrato a Korbielów fino alla cima di Pilsko.

La mappa è fondamentale, meglio averne una laminata dei Beschidi di Żywiec.

 

Come arrivare a Korbielów

In macchina si arriva da Katowice attraverso la S1 che attraversa Bielsko-Biała uscendo allo svincolo per Żywiec.

In treno la stazione più vicina è quella di Jeleśnia pur essendo molto poco servita. Più facile raggiungere Żywiec e da lì proseguire per Korbielów in autobus. Decisamente meno frequenti i collegamenti da Cracovia.

 

Mappa del sentiero

Ti è piaciuto il mio articolo? Vuoi rimanere aggiornato sulle mie ultime novità? Allora iscriviti alla Newsletter e seguimi sulle mie pagine social Facebook, Instagram e Pinterest.