Voivodato della Slesia. Cosa vedere. Foto by Calango

Il Voivodato della Slesia (a volte erroneamente denominato Silesia) dal 2008 è diventato casa mia ed è grazie a questo che su italia-polonia ci sono molti contenuti legati a questo angolo della Polonia.

Se ti trovi nei dintorni di Katowice e magari sei arrivato pensando di trovarti in un angolo di mondo grigio e deprimente, sappi che non è affatto così perchè la Slesia offre ben altro.

Una regione in trasformazione non solo a livello industriale ma  sta diventando sempre più una piacevole meta per i turisti. Le attrazioni culturali, architettoniche e naturalistiche non mancano sia per un mordi e fuggi che per itinerari di alcuni giorni.

 

Architettura nel voivodato della Slesia

Di Katowice e delle città che compongono il GOP abbiamo già parlato in questo articolo. Chi ha visitato queste località anni fa rimarrà folgorato dai cambiamenti e chi tornerà fra altri dieci troverà sicuramente ulteriori trasformazioni in positivo.

Ma non c'è solo l'agglomerato ad attrarre sempre più turisti, al contrario ci sono bellezze nascoste lontane dai canali internazionali che consigliamo di visitare.

Rispetto a Katowice, nel Nord del voivodato Częstochowa è una nota meta di pellegrinaggio dove centinaia di migliaia di cattolici visitano tutto l'anno il Santuario di Jasna Góra.

A Sud sia Pszczyna che Cieszyn con le loro bellezze architettoniche godono di notevole popolarità ma non è da meno Bielsko-Biała, città con una discreta comunità d'italiani e da visitare sia per le viuzze della vecchia città (Rynek) che per la vicinanza ai Monti Beschidi sotto il quale ci sono piacevoli attrazioni come Cygański Las e la funivia per Szyndzielnia.

 

Miniere slesiane

Pur diminuendo le perforazioni anche per motivi legati all'inquinamento, molte miniere nel Voivodato della Slesia sono ancora operative. Alcune sono state però convertite in musei diventando grandi attrazioni per i turisti.

Vale la pena visitare la Miniera di carbone «Guido» a Zabrze, ovvero uno dei fiori all'occhiello del Percorso dei Monumenti della Tecnica (Szlak Zabytków Techniki) e la miniera d'argento di Tarnowskie Góry (Zabytkowa Kopalnia Srebra) che dal 2018 fa parte del patrimonio UNESCO.

 

Montagna

Qui c'è l'imbarazzo della scelta. Cultura, montagne, gite in bici o in canoa, in Slesia ce n'è per tutti i gusti.

Ti piace il trekking di montagna? Sui Monti Beschidi puoi passeggiare su rilievi poco impegnativi ma con piacevoli panorami o magari sciare in inverno presso uno dei tanti impianti. I Beschidi Slesiani sono un po' più alti ma con maggior flusso turistico rispetto ai Piccoli Beschidi, entrambe le catene montuoso sono a ridosso di Bielsko-Biała e facilmente raggiungibili.

Qualora si volessero intraprendere salite leggermente più impegnative, allora si può andare verso il confine con la Slovacchia salendo sui Beschidi di Żywiec pur trovando i principali rilievi come il Pilsko e il Babia Góra nell'adiacente voivodato della Piccola Polonia.

Ma oltre ai piaceri della montagna è interessante visitare alcuni paesini di montagna come Koniaków e Jaworzynka magari raggiungendo il punto triplo (Trójstyk) ovvero il punto in cui il confine polacco incrocia quello ceco e slovacco.

In queste località si potranno ammirare musei della regione dei Beschidi e magari assistere all'annuale Settimana della Cultura dei Beschidi (Tydzień Kultury Beskidzkiej) ovvero un festival folcloristico ospitato nella località di Szczyrk e che attrae gruppi folk provenienti da tutto il mondo.

 

Birdwatching

A chi piace osservare i volatili troveranno la loro meta ideale presso la Riserva Łężczok nel Parco Paesaggistico di Rudy poco lontano da Rybnik dove staziona il 51% delle specie di uccelli presenti in Polonia.

Nell'agglomerato di Katowice consiglio l'area protetta di Żabie Doły fra Bytom e Chorzów, un tempo sconvolta dall'industria pesante e che il ritorno alla natura ha convertito in un territorio di notevole interesse naturalistico con la presenza di oltre un centinaio di specie di volatili.

Chi vuole ammirare decine di nidi di cormorani potrà navigare in battello lungo il canale di Gliwice come raccontato sul nostro articolo.

 

Sport

Sei un appassionato di arrampicata? Allora i dintorni del Castello di Olsztyn e dell'Altopiano di Częstochowa fa apposta per te. Nei dintorni di Olsztyn (da non confondere con l'omonima città in Masuria) nella parte settentrionale della Slesia oltre a visitare il castello, i dintorni sono ricchi di pareti calcaree dove gli arrampicatori locali si esercitano in salite non molto impegnative. Lo stesso presso le vicine rovine del Castello di Ostrężnik.

Vuoi visitare la Slesia in bicicletta? Essendo in gran parte pianeggiante è ben attrezzata per muoversi in bicicletta fra le foreste. Molti percorsi sono in sterrato mentre alcuni sono stati asfaltati.

Un percorso che possiamo suggerirvi è quello che collega Tychy al serbatoio di Goczałkowice-Zdrój attraversando Kobiór e Pszczyna per una lunghezza di circa 30 km immersi nelle foreste e lontano dai percorsi automobilistici.

 

Castelli

Castello di Ogrodzieniec

 

Abbiamo già accennato al Castello di Olsztyn ma non finisce qui. Lungo il sentiero dei Nidi d'Aquila si possono visitare quelli Mirów e di Bobolice ma ce ne sono altri fuori dal percorso come quello di Będzin vicino a Katowice.

Non è un castello ma non per questo di minor importanza è il palazzo di Świerklaniec nell'omonimo parco a Nord di Katowice.

 

Gite in treno

Alcune vecchie linee a scartamento ridotto sono state recuperate per organizzare gite stagionali.

Oltre alla già accennata linea Rudy-Paproć-Rudy, quella più conosciuta è la ferrovia a scartamento ridotto dell'Alta Slesia (Górnośląskie Koleje Wąskotorowe) che collega la stazione Bytom Wąskotorowa e quella di Miasteczko Śląskie Wąskotorowe, passando per la miniera d'argento di Tarnowskie Góry e il Lago Chechło frequentato dai locali come località estiva per la balneazione.

La linea funziona soltanto nel periodo estivo.

 

Cosa mangiare in Slesia

Nella cucina slesiana ci sono alcuni piatti caratteristici da provare e che ben differiscono dalle nostre abitudini mediterranee.

Lo żurek śląski è una zuppa a base di farina di segale con dentro uova, salsicce e patate. È possibile assaggiarlo anche in altre regioni ma non sarà mai la stessa cosa.

I kluski sono più grandi dei nostri gnocchi, hanno un leggero buco al centro e vengono solitamente serviti insieme all'arrosto e immersi nella sua salsa. Per molti slesiani è un piatto domenicale immancabile.

Andando verso le montagne sarà abbastanza semplice trovare degli ambulanti vendere gli oscypki, ovvero del formaggio di capra di produttori locali. Si può assaggiare salato o affumicato. I formaggi di montagna si possono trovare anche intrecciati e vengono chiamati korbaciki anche se questi ultimi appartengono per lo più alla tradizione della cucina slovacca.

 

Birre slesiane

La regione ha una grande cultura legata alla birra. Le birrerie più famose della Tyskie e della Żywiec hanno dei musei presso i propri stabilimenti che attirano decine di migliaia di turisti tutto l'anno.

Tuttavia esistono molte altre birrerie locali come a Cieszyn e Raciborz che stanno acquisendo sempre maggiore popolarità fra gli amanti dell'alcoolico preferito dai polacchi.

 

Parchi Nazionali e Paesaggistici in Slesia

Nel voivodato della Slesia non sono presenti parchi nazionali. Anni fa era in corso la procedura per l'istituzione del Parco Nazionale del Giura (Jurajski Park Narodowy) ma dopo le proteste della popolazione locale è stato deciso di accantonare il progetto.

I Parchi Paesaggistici (Landscape Parks in inglese, Parki Krajobrazowe in polacco) sono una forma di protezione minore che consente alcune attività commerciali pur preservando lo scenario naturalistico del territorio.

Qui sotto l'elenco completo dei otto parchi paesaggistici in Slesia:

L'Aeroporto di Katowice

Quello di Pyrzowice è uno dei principali arrivi in Polonia ed è da anni hub della compagnia low cost Wizzair.

Pur essendo chiamato «Aeroporto di Katowice» si trova a circa 40 km a Nord del capoluogo della regione ma sono comunque ben collegati con navette così come con altre città della regione e con l'aeroporto di Cracovia.

Al momento non esistono collegamenti ferroviari ma è in programma il ripristino di una vecchia linea che nei prossimi anni collegherà l'impianto con Katowice e le altre città della zona.
Su questo articolo elenchiamo i collegamenti aerei dall'aeroporto di Katowice con l'Italia.

Se ti è piaciuto il mio articolo e vuoi rimanere aggiornato sulle mie ultime novità, iscriviti alla Newsletter e seguimi sulle mie pagine social Facebook, Instagram e Pinterest.

Ringrazio Łukasz Calango Tadla per la concessione della sua foto di Katowice dall'alto. Seguite le sue pagine lukasz_calango_tadla e filmodron_pl.