Città

Opole. Capitale della musica polacca

Opole è molto vicina alla splendida Wrocław ma questo gioiellino poco conosciuto nonché capitale dell'omonimo voivodato può rivelarsi una piacevole meta per un week end lontano dai soliti itinerari turistici.

Si tratta di una cittadina di poco meno di cento trentamila abitanti attraversato dal fiume Oder e che mescola bellezze architettoniche con ampi spazi immersi nella natura.

In questo articolo vi raccontiamo cosa vedere a Opole.

Pszczyna e le meraviglie del suo parco

Pszczyna ha un nome un po' difficile da pronunciare per chi non ha dimestichezza con il polacco ma questa cittadina fra Katowice e Bielsko-Biała merita una visita per le sue bellezze naturalistiche e architettoniche.

Łódź, una "barca" nel cuore della Polonia

Il nome di Łódź deriva dalla parola polacca “barca”, presente nel simbolo della città. Oggi è uno dei più importanti centri della Polonia e conta qualcosa come un milione di abitanti.

Per noi italiani il nome della città suona come “Loz”. Occorre fare attenzione perchè se vi recate in Polonia la corretta pronuncia è completamente differente e suona a noi come “uuc”.

Zamość, una perla patrimonio UNESCO

Zamość è sinonimo Natura, arte, cultura, odori e paesaggi di tempi passati, ecco cosa si può trovare in questa località dell'estremo oriente polacco.

Questo piccolo paese di soli 30.000 abitanti, situato nel voivodato di Lublino, vanta molti legami con l'Italia.

È nata dalla volontà del cancelliere Jan Zamoyski, con l'intenzione di creare un centro sociale e culturale nell'oriente polacco.

Cieszyn - La piccola Venezia

Cieszyn mi ricorda i valori di una Europa unita fra i popoli e senza confini. Una piccola cittadina nel profondo Sud della Polonia a confine con la Repubblica Ceca definita la piccola Venezia.

Questa città insegna che è meglio costruire ponti che muri e a Cieszyn di certo non mancano.

Leopoli (Ucraina)

Direte: ma che c'entra una città dell'Ucraina su un sito dove si parla di Polonia? C'entra invece, perchè Leopoli è un luogo particolare. 

Oltre a essere bellissima, merita una menzione per il sentimento polacco ancora molto forte. Racconto di viaggio nell'Ucraina del 2007.

Wrocław e le bellezze sull'Oder
Vi raccontiamo una delle perle architettoniche della Polonia, conosciuta in Italia come Breslavia, una volta parte della Germania e ora meta ambita di tanti italiani alla ricerca di lavoro per le multinazionali.

Varsavia. Cosa vedere nella capitale polacca

Varsavia o Warszawa nel '700 e nell' '800 era famosa per la sua bellezza, tanto che era conosciuta con il nome di Parigi del nord.

 

Durante la Seconda Guerra Mondiale la città venne quasi del tutto distrutta e venne velocemente ricostruita tale e quale grazie ai dipinti del pittore italiano Bernando Bellotto.

 

Lublino, il fascino dell'Est polacco

Sebbene il suo centro non sia patrimonio dell'UNESCO così come Zamość, Lublino (Lublin in polacco) possiede un fascino stilistico e architettonico unico nel suo stile. Per le vie del centro si respira la storia e le vicissitudini del passato magari con un sottofondo di musica ebraica.

Katowice e l'agglomerato della Slesia. Foto by Łukasz Calango Tadla

Un agglomerato conosciuto al mondo per la sua industria mineraria. Il cuore della Slesia è però ben altro. Architetture tipiche, paesi talmente vicini da renderne irriconoscibili i confini.

Una zona in transizione da un radicamento al passato a un futuro moderno ed europeo. La strada da percorrere è però ancora lunga. 


VUOI RIMANERE AGGIORNATO SULLE MIE ULTIME NOVITÀ? ISCRIVITI ALLA MIA NEWSLETTER.

Una volta iscritto potrai scaricare gratuitamente la mia guida «Valli dei Monti Tatra» in formato PDF.

Abilita il javascript per inviare questo modulo