Autunno in Polonia

I primi freddi, le foglie che cadono, i camini che sputano fumo, le giornate che si accorciano. Questo è l'autunno in Polonia.

Una stagione che dà un alone di tristezza, tuttavia la Polonia in questo periodo dell'anno offre gli spettacoli naturalistici più suggestivi.

Già da settembre l'aura autunnale sostituisce la calura estiva spesso in maniera decisa. Basta una perturbazione dal Nord, una pioggia ed ecco crollare la temperatura portandoci a salutare l'estate da un giorno all'altro in attesa del prossimo anno.

Autunno dorato

A fine settembre la temperatura esterna difficilmente supera i venti gradi ma è in questo periodo che il paesaggio si fa interessante.

La stagione inizia con le foglie ancora salde agli alberi che assumono varie tonalità giallastre e rossastre offrendo scenari naturali unici.

Questo è un ottimo momento per andare in montagna dove l'autunno è già avanzato.

È meglio evitare le cime più alte del Parco Nazionale dei Tatra come il Monte Rysy, la cima più alta in Polonia che fuori dal periodo estivo è alquanto proibitiva ai normali escursionisti così come le altre più ostiche come Orła Perć o lo Świnica.

Per questo consiglio di passeggiare per le varie valli come Dolina Gąsienicowa o sulla strada per Morskie Oko anche con i bambini dove i colori autunnali raggiungono la massima espressione.

In alternativa si possono raggiungere cime meno impegnative come quelle dei Beschidi Slesiani o di Bieszczady dove i blandi rilievi non sono ancora ricoperti dalla neve rendendole facilmente raggiungibili agli escursionisti e dove nelle aree fuori da quelle protette è possibile raccogliere frutti di bosco tipici del periodo.

 

Babie lato

Si tratta si un frequente evento meteorologico da considerare come una sorta di prolungamento dell'estate in cui si può ancora godere di temperature quasi estive grazie all'alta pressione.

Il nome proviene dalla ragnatela di alcune specie di ragni che proprio nei periodi autunnali caldi e secchi a cavallo fra la seconda metà di settembre e i primi di ottobre si forma fra le piante.

 Autunno dorato sui Monti Beschidi nella Polonia del Sud

Città polacche in autunno

Questo è anche un buon periodo per visitare le città polacche. Essendo in bassa stagione, le principali città turistiche non sono invase dal turismo di massa potendo quindi godere delle loro bellezze in maggiore tranquillità approfittando magari dei prezzi di hotel e voli più accessibili.

Le temperature consentono ancora di stare all'aperto per alcune ore senza congelare, tuttavia bisogna rimanere sempre all'erta osservando le previsioni del tempo perché con l'avanzare dell'autunno aumenta anche il rischio pioggia.

Chi visita le due città principali come Varsavia e Cracovia può visitare rispettivamente il Parco Nazionale di Kampinos dove fra i campi si ammirano i cumuli di fieno raccolti a campana chiamati króle, ovvero i Re, oppure quello di Ojców dove i colori autunnali fanno da sfondo alle rocce calcaree giurassiche che lo caratterizzano.

 

Autunno polacco, arriva il freddo

Con il passare delle settimane il tempo lascia spazio al vero autunno polacco dove la bassa pressione porta un repentino abbassamento della temperatura. Nel periodo di Ottobre non nevica in pianura salvo rarissimi casi mentre sono più frequenti a Novembre dove le temperature scendono nella notte sotto lo zero.

Tuttavia le evidenti variazioni climatiche rendono il paesaggio tendente più al grigio che al bianco in attesa del rigido inverno.

In Ottobre si raccolgono le castagne e si genera una vera e propria corsa a chi ne raccoglie di più. I bambini li usano per crearci dei pupazzi attaccati con gli stuzzicadenti, altri li portano nei boschi come mangime per aiutare gli animali selvatici a superare l'inverno.

Nel frattempo, le foglie cadono e i polacchi si sforzano nella loro raccolta dimenticando la loro importanza nel ciclo biologico.

Corretto pulire le strade e i passaggi nei viali per parchi cittadini, tuttavia la corsa alla pulizia dei giardini di casa, sono comunque destinati a essere seppelliti dalle piogge e dal gelo invernale è più cosmetica che di effettiva utilità.

Nei parchi nazionali in pianura il terreno è un immenso tappeto giallastro che con l'avanzare della stagione lo trasforma in una poltiglia per la gioia di piccoli animali in cerca di un riparo per l'inverno.

È infatti negli ultimi anni aumentata la sensibilizzazione per la costruzione di ripari per le istrici che amano i cumuli di foglie per scaldarsi durante il letargo invernale.

Non è difficile ormai trovare cumuli opportunamente segnalati e lasciati apposta per aiutare questi piccoli animali a superare il periodo più freddo.

Vi ho convinti? Allora venite a visitare la Polonia in autunno per godere degli splendidi paesaggi che solo questo periodo dell'anno può offrire.

 

Ti è piaciuto il mio articolo? Se vuoi rimanere aggiornato sulle nostre novità iscriviti alla Newsletter e seguimi su Facebook, Instagram e Pinterest.