Viaggiare in Polonia in macchina

Vuoi sapere come viaggiare in Polonia in macchina? Qui sotto ti racconto come funzionano i collegamenti stradali fra le varie città polacche.

Hai letto il mio articolo su come andare in Polonia in macchina? Magari dopo aver percorso oltre un migliaio di chilometri sei arrivato qui e non riesci a destreggiarti fra sorpassi di TIR, caselli e semafori in strade a doppia corsia, mi sbaglio?

Vivendo qua da anni conosco bene questa realtà per cui ti consiglio di leggere attentamente questo articolo onde evitare multe e, soprattutto, incidenti.

Non sono un grande sostenitore di questo tipo di articoli, da geologo preferisco parlare dei paesaggi naturalistici che offre la Polonia piuttosto che consigliare a come inquinarla con la nostrea macchina.

Tuttavia gli spostamenti in macchina sono necessari e ritengo opportuno mettere in guardia i miei connazionali per guidare in Polonia nel rispetto delle regole e delle abitudini che per molti aspetti sono differenti da quelle italiane.

Rete stradale in Polonia

La Polonia è da anni un cantiere a cielo aperto. Un ottimo utilizzo dei fondi europei sta permettendo di cambiare lo scenario stradale aumentando la sicurezza e riducendo i tempi per i collegamenti in macchina.

Molto è stato fatto ma c'è ancora tantissimo da fare per raggiungere i livelli di altri paesi europei.

Per questo prima di partire è bene programmare il proprio viaggio in modo da evitare i cantieri presenti più o meno dappertutto.

Qui sotto racconto limiti, regole e abitudini in base alla categoria stradale.

 

Autostrade in Polonia

Simbolo di ingresso in autostrada in Polonia. Immagine Wikipedia.La rete autostradale è alquanto povera e si sviluppa su due tracciati Est-Ovest e uno Nord-Sud. 

La tendenza è quella di puntare sulle superstrade, più economiche e rapide da costruire nonché fruibili gratuitamente per gli automobilisti.

Al momento soltanto la A4 dal confine tedesco a quello ucraino attraversa interamente il territorio polacco passando per città come Wrocław, Opole, Katowice, Cracovia e Rzeszów mentre la A1 che taglia il paese da Sud a Nord dalla Repubblica Ceca a Danzica sarà interamente percorribile solo nel 2022.

Un'altra autostrada è la A2 che collegherà la Germania alla Bielorussia. Tuttavia al momento manca buona parte del tratto a Est di Varsavia. I lavori per alcuni tratti al momento non sono neanche iniziati.

Le altre autostrade sono la A6 corrispondente a un breve tratto a Sud di Stettino costruito quando ancora quel territorio era sotto la Germania.

Infine la A18 che è una continuazione della A4 sempre verso la Germania ma in direzione Berlino. Anche questa è in completo rifacimento a causa del fondo stradale del lato in direzione Polonia risalente al periodo tedesco.

E poi basta, non ce ne sono altre nè ce ne saranno.

 

Informazioni per viaggiare in autostrada in Polonia

  • Le numerazioni sono precedute dalla lettera A come in Italia.
  • Il cartello d'ingresso in autostrada è come quello in Italia ma con sfondo blu anziché verde.
  • Il limite di velocità è di 140 km/h.
  • In Polonia non esistono le vignette per le automobili.
  • In alcuni tratti di autostrada ci sono i caselli ma non esiste un metodo univoco di pagamento in quanto alcuni tratti sono gestiti da aziende private.
  • Se rimanete sconvolti nel vedere ampie strade a doppia corsia con semafori, sappiate che quelle non sono autostrade ma normali strade statali.
  • Ai caselli potete pagare con la carta. Accettano anche gli euro ma con un cambio decisamente sfavorevole.
  • In polacco si chiama autostrada come in italiano.

 

Autostrade a pagamento in Polonia

In questo caso il cartello di ingresso in autostrada è integrato dalla scritta płatna (a pagamento) al di sotto.

Autostrada A4

  • Tratto Wrocław-Gliwice, si ritira il biglietto al casello d'ingresso e si paga all'uscita.
  • Tratto Mysłowice(Katowice)-Cracovia, ci sono solo due barriere all'inizio e alla fine, in ciascuno di essi si paga. Le automobili pagano dieci złoty senza ritirare alcun biglietto. Le uscite intermedie sono prive di casello. Partendo quindi da Katowice per arrivare a Cracovia occorre pagare venti złoty per un tratto di circa quarantacinque km.
  • Da Wrocław allo svincolo A4/A18 l'autostrada è priva di corsia di emergenza e vige un perenne limite a 110 km/h.
  • I tratti dal confine tedesco a Wrocław, fra Gliwice e Mysłowice in Slesia e da Cracovia all'Ucraina sono gratuiti.

 

Autostrada A1

  • Tratto Toruń - Danzica, anche qui si ritira il biglietto e si paga all'uscita.
  • Da Toruń al confine ceco l'autostrada è gratuita.
  • Al momento il tratto autostradale da Łódź a Częstochowa è in costruzione con notevoli rallentamenti.

 

Autostrada A2

  • Il tratto da Stryków a Nord di  Łódź al confine con la Germania è senza dubbio il più costoso, complicato e causa di rallentamenti nonché simbolo d'inefficienza. In tutto il percorso ci sono ben sei barriere senza un sistema univoco di pagamento. Significa che in alcuni tratti occorre ritirare il biglietto e pagare alla barriera successiva, in altri semplicemente si paga. Il totale attraversando l'intero tratto è di circa ottantaquattro złoty (intorno ai venti euro).
  • Il tratto da Łódź a Varsavia è interamente gratuito.

Le altre autostrade sono gratuite.

App Autopay

Nel tratto di autostrada A4 da Katowice a Cracovia e in quello sulla A1 da Toruń a Danzica si può pagare usando una comoda app.

Registrando la targa della propria macchina è sufficiente attraversare il casello con il segnale giallo a sfondo nero con una telecamera e con ulteriore segnaletica orizzontale.

Lungo l'autostrada A4 a Katowice e a Cracovia la corsia più a sinistra è dedicata esclusivamente al pedaggio automatico tramite Autopay.

Il sistema riconosce la targa, la sbarra si apre automaticamente e il pedaggio viene prelevato dal proprio conto corrente senza costi aggiuntivi.

Non serve avere il telefono a portata di mano.

In questo modo i tempi di attesa si riducono drasticamente. Una soluzione molto comoda e che dovrebbe essere in futuro estesa anche ad altre tratte.

 

Superstrade

Simbolo di ingresso in superstrada in Polonia. Immagine Wikipedia.In polacco si chiama droga ekspresowa. Sono molto simili alle autostrade ma hanno delle corsie più strette e un limite di velocità di 120 km/h a parte alcune a unica corsia (ennesima follia polacca) dove si può andare fino a 100 km/h.

L'ingresso è segnalato con il simbolo di un automobile bianco con sfondo blu. Le numerazioni sono precedute dalla lettera S.

Tutte le superstrade sono gratuite per le automobili.

 

Limiti di velocità

Anche qui la tendenza in Polonia è quella di rendere complicate le cose più semplici.

Anzichè avere dei limiti di velocità uniformi e facile da ricordare, il codice della strada prevede parecchie distinzioni in base alla tipologia e ai tempi di percorrenza:

  • Abbiamo già accennato al limite di velocità nelle autostrade di 140 km/h e di 120 o 100 km/h lungo le superstrade. Fin qui tutto semplice, o quasi.
  • Le strade statali a doppia o tripla corsia per senso di marcia hanno un limite massimo di 100 km/h, mentre quelle a una carreggiata per senso di marcia è di 90 km/h. Sono identificate con il codice DK (droga krajowa ovvero strada statale) o DW (droga województwa o strada provinciale). Lo sfondo dei cartelli è verde.
  • L'ingresso nel centro abitato è segnalato da un cartello nero con degli edifici su uno sfondo bianco. Non sempre è ubicato insieme al nome del paese e ciò può trarre in inganno. Per intendersi, il cartello che osservo perplesso nella foto in alto non indica l'ingresso in città.
  • In città il limite di velocità è di 50 km/h ma dalle 23.00 alle 5.00 aumenta fino a 60 km/h.

Come capite i limiti di velocità sono stati partoriti dall'ufficio complicazioni affari semplici.

 

Circonvallazioni

Nel 2020 molte città polacche non hanno un ring completo sulle sue periferie con standard di autostrada o di superstrada.

Al momento le circonvallazioni sotto questi standard sono solitamente strade a due corsie ma con semafori, rotonde e svolte a sinistra.

A Varsavia si sta ultimando l'autostrada A2 lungo la parte Sud mentre manca del tutto quella nel tratto orientale. Dal versante occidentale si va a Łódź a Białystok con una comoda superstrada senza attraversare la città.

A Cracovia stanno invece lavorando sulla parte settentrionale con la costruzione di una superstrada che faciliterà i collegamenti con Kielce. La parte meridionale è invece attraversata dalla A4 che collega Katowice a Rzeszów.

Łódź non è più da qualche anno il collo di bottiglia per gli spostamenti da Nord a Sud, l'apertura della A1 ha permesso di far passare nei ricordi l'attraversamento della seconda città della Polonia nella sua estensione. Al momento sono in corso i lavori per la superstrada lungo il tratto occidentale, a quel punto il ring sarà completo.

Katowice è forse l'unica città ad avere una circonvallazione completa. A Sud è attraversata dalla A4, a Ovest dalla A1 mentre a Nord e a Est c'è la S1. Queste ultime due si incrociano all'altezza dell'aeroporto di Pyrzowice.

Inoltre la DTŚ che passa nel cuore dell'agglomerato collega Katowice con Gliwice. Quest'ultima pur essendo una strada provinciale ha standard in vari tratti simile a una superstrada.

 

Il problema dei TIR

Sono dappertutto e inondano le strade, non solo polacchi ma da tutta Europa. In particolare moltissime sono le targhe lituane.

Certo il loro lavoro è importante per l'economia polacca ed europea data soprattutto la posizione strategica della Polonia, tuttavia il loro modo di guidare lascia spesso a desiderare.

Nelle strade polacche i divieti di sorpasso per i TIR sono rari e comunque non sempre vengono rispettati, per cui è una consuetudine trovare questi giganti superarsi fra di loro con una minima differenza di velocità con il risultato di creare code facilmente evitabili.

Il consiglio è di aspettare pazientemente, inutile lampeggiare o suonare anche perché dopo poche centinaia di metri è molto probabile trovare un altro sorpasso fra giganti. La pazienza è la virtù dei forti.

 

CB

Fino a pochi anni fa moltissime auto polacche erano piene di radioamatori, era consuetudine veder montate antenne sui posteriori talmente lunghe da captare segnali di vita su Plutone.

La scusa era quella di prevenire ingorghi segnalando incidenti, la verità è che molti lo utilizzavano per segnalare o ricevere segnalazioni sui posti di blocco.

Con l'avvento delle app con i navigatori stanno però diventando sempre meno frequenti rendendo le radio obsolete.

Si consiglia di usare i navigatori anche quando si conosce la strada onde evitare traffico e incidenti e di non fornirsi di CB.

 

Sorpassi azzardati

Sulle strade a una corsia per senso di marcia ma con ampie corsie di emergenza è frequente la cosiddetta jazda na trzeciego o guida come terzo. 

Succede che l'auto di fronte sorpassa anche se ne arriva un'altra dalla parte opposta. Secondo la regola non scritta, quest'ultima dovrebbe spostarsi lungo la corsia esterna per lasciare spazio.

Non è raro infatti vedere macchine o mezzi pesanti spostati sulle corsie di emergenza proprio per favorire i sorpassi sia dallo stesso senso che da quello opposto al senso di marcia.

È una pratica folle ma che va piano piano a morire grazie anche ai maggiori controlli e al crescente numero di superstrade che hanno permesso di scaricare dal traffico le statali.

Tuttavia è bene prestare molta, anzi moltissima attenzione.

 

Rispetto dei limiti di velocità

Sulle autostrade e superstrade non ci sono autovelox ma sono frequenti sulle strade statali. Solitamente sono installati dove ci sono i limiti di velocità più restrittivi.

Non si può certo dire che in Polonia ci sia un inflessibile rispetto del codice della strada. I limiti di velocità vengono sistematicamente ignorati in parecchi tratti stradali, inutile negare che è una piaga culturale ancora ben salda fra gli automobilisti polacchi.

La polizia stradale usa andare in giro con automobili non segnalate che registrano la velocità durante il tragitto. Inoltre le multe stanno diventando via via sempre più care anche se i costi sono minori che in Italia.

Si consiglia quindi di rispettare il codice della strada e i limiti di velocità sia per evitare multe che, soprattutto, per ragioni di sicurezza.

I fari accesi sono obbligatori in qualsiasi ora della giornata, senza eccezioni.

I tutor sono installati solo in alcuni tratti campione di alcune strade statali e provinciali e si chiamano odcinkowe pomiary prędkości. È molto probabile che verranno presto utilizzati sulle autostrade e superstrade.

 

Tasso alcolemico

In Polonia non è consentito guidare in caso di tasso superiore allo 0,2 gr/lt. Significa che basta una birra per superare i limiti.

La soluzione migliore e di non bere del tutto alcoolici se si dovrà poi guidare.

Il problema della guida sotto l'effetto dell'alcool è una piaga a cui in Polonia si sta prestando sempre più attenzione con regole sempre più rigide accompagnate da campagne educative.

Negli anni ci sono stati dei notevoli progressi, tuttavia è ancora frequente trovare guidatori ben al di sopra dei limiti.

 

Benzina

In Polonia il prezzo oscilla intorno a 1,00 - 1,20 €/L. La differenza fra benzina e diesel è minima.

Le stazioni di servizio sono sempre aperte 24h salvo rare eccezioni nelle piccole stazioni locali non appartenenti alle grandi reti. 

Non esiste differenza fra "servito" e "fai da te", in quasi tutti i casi funziona con il self-service

In alcuni casi il personale della stazione si occupa del rifornimento come forma di cortesia e senza costi aggiuntivi.

Date le condizioni climatiche, quasi sempre accanto alla pompa è presente un secchio con un liquido per il lavaggio del parabrezza liberamente utilizzabile. Solo nei giorni di freddo intenso viene a volte tenuto all'interno della stazione di servizio onde evitarne il congelamento.

Finito il rifornimento, si paga sempre all'interno della stazione di servizio solitamente fornita con un piccolo negozio e con un fast-food. Il pagamento con il bancomat è sempre possibile.

I servizi non sempre sono gratuiti, le stazioni di servizio più piccole a volte sono a pagamento, solitamente le reti principali offrono i bagni gratuitamente.

Il GPL è presente in tutte le stazioni di rifornimento principali, alcune sono forniti anche di una pompa per l'AdBlue evitando così l'acquisto nel contenitore di plastica. In diversi casi nelle città sono fornite del servizio di autolavaggio automatico.

Il pagamento avviene in złoty ma in alcuni casi viene accettato l'euro anche se con un cambio sfavorevole. Per ulteriori informazioni vi consiglio il mio articolo su come pagare in Polonia.

 

Altre abitudini

  • Il cambio di colore nei semafori in Polonia è sempre anticipato dal giallo, sia al passaggio al verde che al rosso.
  • Da siciliano mi riferisco soprattutto ai meridionali. L'utilizzo del clacson è parecchio limitato in Polonia se non in casi eccezionali. Suonare come nostra abitudine nel Sud Italia non è ben visto. È un'abitudine per noi difficile da superare ma dobbiamo farcene una ragione.
  • In Polonia c'è un maggior uso della freccia al cospetto dell'Italia. Ad esempio si usa segnalare l'uscita dalla rotonda con la freccia a destra.

Ti è piaciuto il mio articolo? Magari ti ho fatto venire voglia di muoverti in treno? Allora iscriviti alla Newsletter e seguimi su Facebook, Instagram e Pinterest.